Aiuti alle imprese: arrivano gli ostacoli dell’Europa

8 Maggio 2020 | Autore:
Aiuti alle imprese: arrivano gli ostacoli dell’Europa

Il decreto Maggio si scontra con quattro vincoli sul sostegno alle aziende più grosse. Tra questi, l’impossibilità di sopravvivere senza l’intervento pubblico.

L’Europa disegna un quadrilatero oltre al quale non si potrà uscire per concedere degli aiuti di Stato alle imprese più grandi colpite dalla crisi del coronavirus. Quattro angoli che corrispondono ad altrettanti vincoli di cui il Governo dovrà tenere conto nel disegnare il decreto Maggio, atteso da tempo e in corso di definizione per l’approvazione definitiva, che arriverà nei prossimi giorni.

Il primo vincolo riguarda il divieto di utilizzare dei soldi pubblici per dare una mano alle aziende già in crisi prima del 31 dicembre scorso. Significa che eventuali aiuti dovranno essere riservati a chi è entrato in difficoltà nel corso del 2020.

Ma non è detto che chi ha subìto le conseguenze dell’emergenza Covid-19 possa ricevere l’intervento dello Stato: il secondo paletto, infatti, stabilisce che l’azienda deve dimostrare di non riuscire a sopravvivere senza l’aiuto pubblico, cioè che la mancanza degli aiuti potrebbe provocare un pregiudizio di ordine economico e sociale.

Il terzo riguarda il fatturato del beneficiario degli aiuti. Si discute in queste ore sulla fascia tra 5 e 50 milioni di euro in cui lo Stato accompagnerebbe le ricapitalizzazioni private con una somma analoga a quella messa dai soci. C’è, però, da definire quale sarebbe il ruolo rivestito dallo Stato e se, come richiesto da qualche esponente della maggioranza, finanziare un’azienda deve comportare avere un posto a sedere nel suo Consiglio di amministrazione.

Infine, il vincolo che riserverebbe l’aiuto statale a chi non è riuscito ad accedere ad altre forme di sostegno pubblico con gli stessi obiettivi. Il che potrebbe rappresentare un problema per chi, ad esempio, ottiene i prestiti garantiti dallo Stato o altri sostegni specifici. Questa limitazione non riguarderebbe, invece, chi beneficia del sistema degli indennizzi a fondo perduto per le aziende fino a 5 milioni di fatturato.

Intanto, il Governo cerca altre vie per garantire degli aiuti alle imprese. Tra queste, la detassazione degli aumenti di capitali attraverso l’azzeramento dell’Ires sugli utili che l’impresa decide di lasciare in azienda e di non distribuire ai soci.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube