L’esperto | Articoli

Carro attrezzi: ultime sentenze

21 Giugno 2020
Carro attrezzi: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: carro attrezzi; operazioni di rimozione del veicolo; violazione del Codice della Strada; autovettura lasciata in sosta in prossimità di un’area di intersezione a meno di 5 metri; sinistro stradale.

Conducente del carro-attrezzi

In tema di resistenza a p.u. la minaccia può essere costituita da qualsiasi mezzo idoneo ad opporsi all’atto di ufficio (o di servizio) che si sta compiendo ed è integrata anche nel caso che si manifesti in modo indiretto (cioè all’indirizzo di soggetto diverso dal p.u.) purché la pubblica funzione ne risulti impedita o soltanto ostacolata.

(Nella specie, la Corte ha ritenuto che la minaccia fosse integrata da un cane di grossa taglia e ringhiante, chiuso nell’abitacolo, costituente ostacolo alle operazioni di rimozione, specie con riguardo al lavoro materiale riservato al conducente del carro-attrezzi).

Cassazione penale sez. VI, 15/07/2000, n.8493

Veicolo affidato al carro attrezzi

Qualora la violenza o la minaccia del soggetto agente nei confronti del pubblico ufficiale sia posta in essere durante il compimento dell’atto d’ufficio, per impedirlo, si configura resistenza ai sensi dell’art. 337 c.p.; viceversa, si versa nell’ipotesi di cui all’art. 336 c.p. se la violenza o la minaccia è portata contro il pubblico ufficiale per costringerlo ad omettere un atto del suo ufficio anteriormente all’inizio di esecuzione. Il discrimine fra le due fattispecie risiede, dunque, nella fascia temporale in cui avviene la condotta minacciosa o violenta rivolta al pubblico ufficiale.

Nella fattispecie era emerso che, a seguito del controllo da parte del pubblico ufficiale del veicolo condotto dal figlio dell’imputato, trovato sprovvisto di assicurazione ed ormai affidato al carro attrezzi, l’imputato, allertato dal figlio, rivolse nei confronti del pubblico ufficiale, frasi offensive e minacciose, finalizzate a fare in modo che questi non procedesse al sequestro del veicolo, con conseguente configurabilità del reato ex art. 336 c.p..

Tribunale Lecce, Sezione 2, Penale, Sentenza, 1/08/2018, n. 1712

Trasporto di autoveicoli destinati alla riparazione

Non è configurabile il reato di cui all’art. 51 comma 1, D.Lgs. n. 22/1997 nel caso di trasporto di autoveicoli, pur se privi di alcune parti (l’uno, del motore, dei pneumatici anteriori e di alcuni settori del cruscotto e, l’altro, dei fari, dei sedili anteriori e di alcuni componenti in plastica del cruscotto), perché gli stessi erano muniti di targa ed ancora iscritti nel P.R.A.; non erano stati conferiti in un centro di raccolta ed erano trasportati con un carro attrezzi per essere verosimilmente destinati alla riparazione.

Corte di Cassazione Sezione 3, Penale, Sentenza, 5/03/2004, n. 10683

Carro attrezzi: il cronotachigrafo è obbligatorio?

Il dispositivo del cronotachigrafo non è obbligatorio per i veicoli omologati e destinati a fungere da carro attrezzi, indipendentemente dall’uso che il proprietario ne faccia. In tale contesto, non è possibile per gli agenti accertatori presumere od accertare un uso diverso e in caso contrario l’opposizione contro il relativo verbale di accertamento deve essere senz’altro accolta.

Giudice di Pace, Portogruaro, Sentenza, 22/06/2000, n. 76

Motorini parcheggiati sotto il portico condominiale

I motorini parcheggiati sotto il portico condominiale non possono essere rimossi da una società privata di carro attrezzi autorizzata dal Condominio; la rimozione è infatti possibile solo con l’intervento della polizia municipale perché il portico, pur essendo di proprietà condominiale, è gravato da una servitù di pubblico passaggio il cui uso deve essere regolato esclusivamente dall’amministrazione pubblica.

Cassazione civile sez. II, 21/04/2008, n.10323

Carro attrezzi: il recupero del veicolo incidentato

La responsabilità dell’esercente di autostrada, per danno causato da lastra di ghiaccio sulla sede stradale, alle ore 6,55 di un 20 aprile, viene esclusa dal tribunale sia per l’elevata velocità dell’automobilista infortunatosi sia per l’inesistenza del requisito della imprevedibilità dell’insidia occulta. In particolare il giudicante ritiene carenza di imprevedibilità: 1) per circostanze peculiari originate da incidente di circolazione verificatosi poco prima. (Presenza di birilli e varie altre segnalazioni, di autovettura della polizia, ferma in corsia di emergenza con lampeggiante e luci accese, di un carro attrezzi che recuperava il veicolo sinistrato. Inoltre segnalazioni manuali, fatte da agente di polizia, con bandiera 300 metri prima della lastra di ghiaccio). 2) Perché su strada di montagna, stante l’ora antelucana, persona residente in zona non può non prevedere la possibile formazione di ghiaccio.

Tribunale Belluno, 23/03/2004

Richiesta di un immediato intervento del carro attrezzi 

Costituisce causa di forza maggiore e, quindi, esimente in relazione alla violazione del Codice della Strada di cui all’art. 158, comma 1, lett. e) – contestata per aver lasciato l’autovettura in sosta in prossimità di un’area di intersezione a meno di 5 metri – la circostanza, dimostrata, che il veicolo sia stato in realtà ivi collocato perché in avaria e non immediatamente rimosso in considerazione dell’ora piuttosto tarda in cui l’impedimento si è presentato.

La richiesta di un immediato intervento del carro attrezzi per rimuovere la vettura, infatti, non può essere percepito come adempimento obbligatorio in considerazione, appunto, dell’ora in cui il guasto si è verificato, in special modo se il conducente, come avvenuto nel caso specifico, si sia attivato con solerzia il mattino dopo per far rimuovere la vettura dal luogo in cui la sosta è vietata.

Giudice di Pace, Aosta, Civile, Sentenza, 28/10/2010, n. 207

Veicolo omologato e destinato a fungere da carro attrezzi

Un veicolo omologato e destinato a fungere da carro attrezzi è sempre e comunque esonerato dall’obbligo dell’installazione e dell’utilizzo del disco cronotachigrafo, non essendo possibile presumerne o accertarne un uso diverso.

Giudice di Pace Portogruaro, Sentenza, 22/06/2000, n. 76

Guida in stato di ebbrezza, sinistro stradale e carro attrezzi

E’ imputabile per il reato di guida in stato di ebbrezza il prevenuto che circoli alla guida dell’autovettura in stato di alterazione dovuto all’uso di bevande alcoliche, evidenziando un tasso alcolemico pari a 1,63 e 1,54 g/l. In merito alla fattispecie ascritta, non appare condivisibile la tesi difensiva secondo la quale lo stato di ebbrezza accertato sarebbe conseguito all’ingestione di bevande alcoliche consumate fuori dalla sede stradale, dopo il sinistro nel quale sia rimasta coinvolta l’auto condotta dal prevenuto, apparendo inverosimile che dopo il sinistro questi, insieme agli altri occupanti della vettura, potesse preoccuparsi di consumare cibi e bevande alcoliche in attesa del carro attrezzi.

Tribunale Nuoro, Penale, Sentenza, 13/08/2012, n. 258

Rimozione con carro attrezzi, custodia delle autovetture rubate

L’attività svolta in via continuativa su incarico della Pubblica Amministrazione e consistente nel rimuovere, con carro attrezzi, e nel custodire le autovetture rubate che siano state rinvenute abbandonate dall’Autorità di P.S., si inquadra in un rapporto di concessione di pubblico servizio, caratterizzata dalla prevalenza del momento della rimozione rispetto a quello della custodia, nonché del perseguimento del pubblico interesse all’eliminazione degli ostacoli frapposti da tali veicoli alla circolazione stradale od alla fruizione di spazi pubblici parte della collettività.

Ne consegue che, implicando la concessione per pubblico servizio un rapporto diretto fra il concessionario e gli utenti, deve ritenersi che l’esercente della cennata attività è legittimato ad agire nei confronti del proprietario dell’autoveicolo rubato per il pagamento del compenso relativo al prelievo ed alla custodia del veicolo stesso.

Pretura Roma, 23/10/1980



4 Commenti

  1. A chi non è mai capitato di chiamare il carro attrezzi? Un giorno, io e mio marito, dopo una bella gita al mare, stavmo rientrando a casa,a proprio a metà strada, lui si accorge che qualcosa non andava all’auto e si ferma nella piazzola di sosta. Per fortuna che ha riconosciuto subito i problemi del motore. Insomma, dopo esserci fermati, l’auto non accennava più a ripartire. Abbiamo aspettato un sacco di tempo, ma per fortuna eravamo al riparo. Se fossi stata da sola, era capace che mi sarei fermata in mezzo alla strada con attacchi di panico

  2. Io e alcuni amici stavamo andando a fare un’escursione in montagna. Sole bellissimo, giornata perfetta….Solo che, ad un certo punto, l’auto inizia a fare degli strani rumori. Mi sono subito reso conto che c’erano problemi alla centralina. Così senza fare preoccupare le persone in auto con me, mi fermo e controllo. Alla fine, ho dovuto chiamare il carroattrezzi e quella giornata di relax si è trasformata in una giornata stressante. Fortuna che eravamo ancora in una zona dove c’era linea telefonica, altrimenti nin so come avrei potuto fare

  3. E meno male che la fortuna premia gli audaci. Ma che me ne andasse bene una ogni volta che decido di avviarmi per fare un viaggio fuori porta. Si, devo anche dire che la mia auto fa cilecca da un po’, però mi ha sempre accompagnato nei miei viaggi. HO notato subito, prima di avviarmi, con le valigie già pronte che c’era qualche problemino. Per fortuna, mi sono evitato la spesa del carro attrezzi, altrimenti altro che viaggio low cost

  4. Immaginate la scena. Galleria e gomma a terra. Non avevo la ruota di ricambio, perché l’auto non era la mia e la stavo portando in riparazione… Appena uscito dalla galleria, mi sono accostato ad una piazzola di sosta ed ho chiamato subito il carro attrezzi. Devo essere sincero, loro sono arrivati nel tempo indicato dal centralino.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube