Decreto Rilancio: 3100 assunzioni nella Giustizia

8 Maggio 2020
Decreto Rilancio: 3100 assunzioni nella Giustizia

Concorsi per titoli e su base distrettuale per il reclutamento di personale nell’amministrazione giudiziaria: 400 Direttori e 2.700 Cancellieri esperti.

La bozza del nuovo Decreto Rilancio, che il Governo si accinge a varare e che la nostra agenzia stampa Adnkronos ha visionato, prevede, tra le numerose misure proposte per la ripresa economica e sanitaria, che il ministero della Giustizia “possa procedere al reclutamento, già autorizzato, di 3.100 unità di personale amministrativo non dirigenziale mediante concorsi per soli titoli su base distrettuale”.

Nel dettaglio, si tratta di 400 posti di personale amministrativo non dirigenziale, da inquadrare nei ruoli con la qualifica di Direttore (Area III/F3) e di 2.700 unità di personale amministrativo non dirigenziale per ricoprire la qualifica di Cancelliere esperto (Area II/F3).

Come titoli di accesso, per la qualifica di Direttore si richiede, in alternativa, il dottorato di ricerca in materie giuridiche, il servizio per almeno 3 anni nell’amministrazione giudiziaria con la qualifica di funzionario, lo svolgimento delle funzioni di magistrato onorario per almeno 4 anni o l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato e l’iscrizione all’ordine per almeno 5 anni.

Per i posti di Cancelliere esperto è richiesto, invece, uno dei seguenti titoli: il servizio nell’amministrazione giudiziaria, lo svolgimento delle funzioni di magistrato onorario per almeno un anno, oppure l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.

”Inoltre – si legge nella bozza – si prevede che il ministero della Giustizia possa proseguire le attività di reclutamento residue rispetto a quanto già previsto a legislazione vigente in ordine alle 150 unità di personale amministrativo non dirigenziale per far fronte alle gravi scoperture di organico negli uffici giudiziari che hanno sede nei Distretti di Torino, Milano, Brescia, Venezia, Bologna; alle 12 unità di personale amministrativo non dirigenziale da inquadrare nei ruoli dell’amministrazione giudiziaria; alle 598 unità di personale amministrativo non dirigenziale per far fronte alle questioni tecniche e logistiche connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19″.

“Nelle procedure concorsuali – si spiega – il ministero della Giustizia può attribuire un punteggio aggiuntivo in favore dei soggetti che hanno svolto, con esito positivo, il tirocinio presso gli uffici giudiziari”.


5 Commenti

  1. Per quello che ho capito saranno tipo “nomine” di persone che hanno già un lavoro. Gli amici degli amici della politica su vari livelli. Bene. Dopo la porcata dei navigator arrivano i posti nel Ministero della Giustizia. Venghino signori venghino!!!

    1. Ciao Salvatore, condivido quello che dici però ti dico che ci sono persone come mia moglie che lo fanno da 15 anni da precari ricevendo una misera indennità non fruendo di alcun periodo di ferie non fruendo di alcuna maternità infatti è rimasta a casa 10 mesi per due figli senza percepire nulla ma lavorando E ancora oggi schiavizzata. Non so come andrà finire questo concorso però io penso che dopo 15 anni venga prima mia moglie che un ragazzo Neo laureato con una grandissima raccomandazione. Scusami

  2. ma non si tratta di assunzioni perchè non sono concorsi riservati agli esterni disoccupati, ma a già chi è in servizio, correggete il titolo, quindi non si tratta di nuovo personale, cosa cambia ?

    1. Il servizio nell’amministrazione giudiziaria, può essere inteso come un percorso di alternanza scuola lavoro?
      Fondamentalmente è un tirocinio formativo.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube