HOME Articoli

Lo sai che? Tettoia e pensilina non sono pertinenze ma nuove costruzioni: autorizzazione necessaria

Lo sai che? Pubblicato il 21 ottobre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 21 ottobre 2013

Sono soggette alla concessione amministrativa le strutture smontabili che alterano l’assetto del territorio, anche se si trovano in rapporto con il bene principale.

 

Per le tettoie e le pensiline di dimensioni non trascurabili ci vuole il permesso edilizio, altrimenti vanno abbattute. Infatti, il Consiglio di Stato, pronunciatosi di recente sulla questione [1], ha chiarito che tali costruzioni, per quanto in rapporto con l’immobile, non costituiscono pertinenze del bene principale. Esse, infatti, alterano l’assetto del territorio. E ciò anche se sono strutture facilmente smontabili.

Quello che il codice civile considera come “pertinenza” di un bene immobile, non vale anche per le norme in materia urbanistica. Se non si vuole, quindi, sottostare alla concessione pubblica, è necessario dimostrare che:

– non è aumentato il carico urbanistico;

– il manufatto non ha un valore autonomo perché non può essere utilizzato indipendentemente dal (presunto) bene principale.

Fuori da questi casi, invece, la tettoia e la pensilina sono abusive e vanno abbattute.

note

[1] Cons. St. sent. n. 4997/2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. buon giorno, ,per quanto riguarda le pensiline, le sentenza del tribunale di savona del 4 giugno e del tribunale di bologna n°1386 /2008 hanno stabilito che è legittimo appoggiarsi ai muri perimetrali del condominio per tutelare la privacy o per proteggersi da agenti atmosferici, quindi le pensiline non potrebbero rientrare nella sentenza?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI