Cronaca | News

Mascherine a 50 centesimi e farmacisti furbetti

9 Maggio 2020
Mascherine a 50 centesimi e farmacisti furbetti

È reato condizionare l’acquisto ad una spesa minima su altri prodotti: denunciati i titolari di una farmacia di Roma.

È reato condizionare l’acquisto delle mascherine a prezzo calmierato di 50 centesimi ciascuna (più Iva) all’acquisto di altri prodotti in modo da raggiungere una spesa minima di un determinato importo.

Lo dimostra un fatto di cronaca avvenuto in un Farma Point di Roma, riportato dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, dove gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Borgo Trionfale hanno  notato un cartello apposto sulla vetrina con su scritto ”l’acquisto di mascherine chirurgiche al costo di 0,60 euro è riservato solo a fronte di una spesa minima (di altri prodotti) per un importo minimo di euro 15”.

Uno dei poliziotti, in borghese, è entrato nel negozio e si è finto cliente chiedendo alla farmacista di voler acquistare delle mascherine chirurgiche. L’esercente gli ha ripetuto, indicando il cartello, che questo era possibile solo se avesse acquistato altra merce, per un valore minimo di 15 euro.

A quel punto gli agenti hanno fatto ingresso nel negozio e hanno formalizzato la denuncia dei titolari per il reato di manovre speculative su merci , punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la multa da 516 a 25.822 euro.

Il prezzo di 50 centesimi per ogni mascherina chirurgica, che con l’applicazione dell’Iva raggiunge 0,61 euro, costituisce la soglia massima, secondo quanto stabilito nell’ordinanza del Commissario all’emergenza attualmente in vigore. Non è facile però trovarle: in molte farmacie mancano e una recente indagine di Altroconsumo rivela che sono disponibili solo in una su quattro.

Ma proprio oggi Federfarma Servizi e Adf (Associazione distributori farmaceutici) annunciano che sono in arrivo i primi 3 milioni di mascherine chirurgiche dal Commissario all’emergenza; ora dovranno essere distribuite alle 19mila farmacie italiane. Leggi anche mascherine a 50 centesimi: dove acquistarle.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube