Coronavirus: le novità su Imu e 730 nel Dl Rilancio

12 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus: le novità su Imu e 730 nel Dl Rilancio

Abolita l’imposta del 16 giugno per alberghi, pensioni e stabilimenti balneari. Agevolazioni per ottenere il pagamento dei rimborsi da parte del Fisco.

Il decreto Rilancio che, nonostante i continui slittamenti, dovrebbe essere approvato oggi (il condizionale, a questo punto, è d’obbligo) contiene alcune importanti novità su Imu e 730.

Per quanto riguarda l’imposta sugli immobili, il Governo ha voluto cancellare la rata Imu del 16 giugno per il settore ricettivo: non dovranno pagarla alberghi, pensioni e stabilimenti balneari, lacuali e fluviali. A condizione, però, che il proprietario dell’immobile interessato sia anche il gestore dell’attività che vi si svolge. Significa che se l’albergo è di proprietà di Tizio e l’ha dato in gestione a Caio, Tizio dovrà pagare l’Imu. Se, invece, è lo stesso Tizio a portare avanti l’attività, allora la rata viene cancellata. Non saranno da versare né la quota statale né quella comunale. La stessa misura era attesa per capannoni e centri commerciali che pagano l’Imu erariale: per loro, però, non ci sono le coperture, quindi – al momento – niente abolizione dell’imposta.

A proposito di tasse agli enti locali, il Dl Rilancio rivede la norma sull’occupazione di suolo pubblico: sarà valida fino a 1° novembre (a meno di un ulteriore prolungamento dell’emergenza) l’esenzione dalla base imponibile dell’imposta relativa agli spazi in più che dovranno essere previsti per bar, ristoranti e pubblici esercizi in modo da garantire il distanziamento sociale imposto dalle misure contro il coronavirus. Per loro cade anche l’obbligo di chiedere l’autorizzazione per dehors e strutture mobili nei centri storici.

Novità anche sul 730 e, in particolare, per i lavoratori a cui potrebbero essere negate le operazioni di conguaglio della dichiarazione precompilata a causa dell’emergenza sanitaria. Il che potrebbe voler dire avere qualche intoppo nel pagamento dei rimborsi da parte del Fisco. Quello che il Governo intende fare è dare la possibilità di utilizzare lo stesso modello 730 per il conguaglio in assenza di un sostituto d’imposta o nel caso in cui quest’ultimo non avesse la possibilità di effettuarlo. Se dalla liquidazione della dichiarazione precompilata risultasse che è il contribuente a dover pagare, potrà farlo direttamente con un F24. Altrimenti, il lavoratore riceverà il rimborso direttamente dall’Agenzia delle Entrate, ma solo dopo il 30 settembre.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube