Cronaca | News

Coronavirus, confermato: si potrà riaprire prima

12 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus, confermato: si potrà riaprire prima

Accordo Governo-Regioni: saranno i governatori a decidere la ripresa di bar, ristoranti o parrucchieri nel rispetto dei protocolli. Il via, forse, lunedì 18.

Le Regioni fanno «centro» e ottengono dal Governo la facoltà di decidere sulla riapertura di tutte le attività, compresi bar e ristoranti. Unica condizione: che vengano rispettati i protocolli di sicurezza del Comitato tecnico-scientifico e dell’Inail che verranno pubblicati entro giovedì 14 maggio. Significa che già il prossimo fine settimana, o al massimo lunedì 18 maggio, molte saracinesche potrebbero essere rialzate senza attendere la data del 1° giugno prevista finora dal Governo. L’accordo è stato raggiunto nella cosiddetta «cabina di regia» alla quale partecipano anche i governatori ed i ministri per gli Affari regionali, Francesco Boccia e della Salute, Roberto Speranza.

Per le amministrazioni territoriali si tratta di un’importante vittoria: da tempo, chiedevano di avere la possibilità di stabilire, in base alla situazione locale, chi e quando riaprire. Ora, per ristoranti, bar, negozi, parrucchieri, barbieri, centri estetici e stabilimenti balneari (manca solo che piova) si prospetta la tanto attesa riapertura anticipata.

Attenzione ai protocolli, però, perché saranno vincolanti. La maggior parte, come detto, arriveranno giovedì ma già oggi dovrebbero essere pronti quelli dei ristoranti e degli stabilimenti balneari. Il che fa immaginare che forse entro sabato qualcuno potrebbe già essere a disposizione del pubblico in certe zone. Proprio giovedì – e questo dovrebbe essere un indicatore importante – arriverà anche il primo bollettino con la situazione contagi dalla fine del lockdown, cioè dal 4 maggio scorso. Il report ci dirà se i primi 10 giorni della fase 2 hanno avuto un impatto sull’andamento dell’epidemia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube