Cronaca | News

Coronavirus: presto ammessi gli spostamenti tra Regioni

13 Maggio 2020
Coronavirus: presto ammessi gli spostamenti tra Regioni

Il viceministro della Salute prevede che dal 1° giugno sarà possibile spostarsi da una Regione all’altra; tutto dipende dall’andamento dei contagi.

Un altro passo avanti verso la ripartenza, che va oltre la riapertura delle attività commerciali prevista per il 18 maggio. Ora il Governo pensa a consentire gli spostamenti tra le Regioni, quelli che erano stati vietati sin dall’inizio del lockdown a marzo e, con l’avvio della Fase 2, sono stati consentiti dal 4 maggio solo per fare rientro nei luoghi di residenza o per gli altri motivi di lavoro, salute, e assoluta necessità.

L’annuncio arriva oggi dal viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri: “Penso che dal primo giugno ci sarà possibilità di spostarsi da una regione all’altra“, dice alla trasmissione ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. L’intervento è stato subito rilanciato dall’agenzia stampa Adnkronos.

“Dal 18 maggio faremo un passo avanti e di questo ne sono sicuro e per fine mese ci sarà maggiore libertà”, prosegue Sileri, che però precisa: “Ovviamente non posso garantire oggi la libertà del movimento fra diverse regioni perché è un momento di osservazione; è una Fase 2 molto iniziale e ci sono 12 regioni che hanno meno di 12 infetti”.

E, facendo un paragone, dice: “È come se all’Italia fosse stata data una lettera di dimissioni dopo una brutta malattia; bisogna aspettare queste due settimane e vedere come va. Noi dobbiamo essere pronti a non farci prendere alle spalle da eventuali altri contagi” conclude Sileri.

Del resto, le stesse riaperture degli esercizi commerciali, come bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti, previste dal 18 maggio devono ancora ricevere l’ok che arriverà sulla base dei dati di osservazione su tutto il territorio nazionale che perverranno giovedì al ministero della Salute.

Ma il quadro è ottimistico, tant’è che sulla possibilità di varcare i confini regionali, a partire dal 1° giugno, Sileri ipotizza che “sarà possibile muoversi anche dalla Lombardia“, proprio la regione che rischia di rimanere indietro sulle riaperture dei negozi programmate dal 18 maggio. Ora tutto dipenderà dall’andamento dei dati epidemiologici, che mostreranno il livello dei tassi di contagio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Come l avete studiata bene per imporci una dittatura! Ma pensate che siamo tutti dementi? Contagi, ah ah per un virus che fa un paio di morti al mondo. Siate maledetti! Prima o poi pagherete tutto!

Rispondi a Urian Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube