Detrazione in arrivo sulle commissioni dei Pos

13 Maggio 2020 | Autore:
Detrazione in arrivo sulle commissioni dei Pos

Sarà possibile beneficiare di un credito d’imposta sui costi delle operazioni effettuate dal 1° luglio 2020. Ci sono, però, due condizioni.

Avere un Pos per ricevere dei pagamenti con moneta elettronica costerà di meno. Dal 1° luglio 2020 sarà possibile beneficiare di una detrazione del 30% sulle commissioni relative alle transazioni effettuate a partire da quella data con Bancomat, carta di credito o prepagata o con altri strumenti elettronici tracciabili.

Due le condizioni. La prima che le banche, oltre a trasmettere all’Agenzia delle Entrate le opportune informazioni, comunichino ogni mese all’esercente l’elenco delle transazioni effettuate e delle commissioni versate per quelle operazioni. In questo modo, chi esercita un’attività di impresa, arte o professione ha diritto al credito d’imposta del 30% sulle commissioni in relazione alla cessione di beni o alla prestazione di servizi resi verso i consumatori finali.

Per usufruire della detrazione, quindi, gli operatori che forniscono i sistemi di pagamento elettronico devono obbligatoriamente comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi ai pagamenti. La comunicazione all’esercente sulle operazioni e sulle commissioni, invece, dovrà essere effettuata entro il 20° giorno del mese successivo a quello di riferimento per via telematica. Nel dettaglio, l’esercente deve ricevere:

  • l’elenco delle transazioni effettuate;
  • le informazioni relative alle commissioni corrisposte;
  • numero e valore totale delle operazioni di pagamento effettuate da consumatori finali;
  • il prospetto descrittivo che descrive le commissioni addebitate all’esercente con l’importo delle commissioni totali, quello delle commissioni addebitate sul transatto per le operazioni di pagamento effettuate da consumatori finali e ed i costi fissi periodici.

La seconda condizione è che l’esercente non abbia avuto nell’anno precedente dei ricavi o dei compensi superiori a 400mila euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube