Agenzia delle Entrate: i nuovi servizi disponibili da casa

13 Maggio 2020 | Autore:
Agenzia delle Entrate: i nuovi servizi disponibili da casa

Al via i servizi agili, senza il bisogno di recarsi allo sportello.

L’Agenzia delle Entrate annuncia che sarà possibile richiedere rimborsi, registrare un atto, farsi rilasciare il codice fiscale oppure un certificato senza doversi recare allo sportello. Come? Basterà abilitarsi ai servizi telematici, sfruttare i servizi online senza registrazione, usare la app oppure rivolgersi al contact center. I contribuenti potranno richiedere alcuni servizi anche tramite e-mail o Pec.

Molti dei servizi erogati allo sportello, come riporta una nota stampa dell’Adnkronos, possono essere usufruiti direttamente sul sito internet, senza che sia necessaria alcuna registrazione. Per altri occorre, invece, essere in possesso del codice Pin, che può essere richiesto online o attraverso l’app delle Entrate. Oltre alle credenziali dell’Agenzia è possibile accedere ai servizi online tramite Spid, il Sistema Pubblico dell’Identità Digitale, o tramite Carta Nazionale dei Servizi (Cns).

In particolare, per ottenere il codice fiscale, il cittadino può presentare la richiesta, sottoscritta anche con firma digitale, scegliendo uno dei servizi agili a disposizione e allegando la necessaria documentazione via mail o Pec (in ogni caso il documento di identità).

Il certificato di attribuzione arriverà direttamente tramite il canale prescelto. I servizi agili possono essere utilizzati anche per la richiesta di duplicato del codice fiscale/tessera sanitaria, trasmettendo la richiesta firmata e scansionata insieme alla copia del documento d’identità. Stesse modalità anche per la richiesta di attribuzione del codice fiscale a persone non fisiche e, con riferimento ai soggetti non obbligati alla presentazione tramite ”ComUnica”, per la dichiarazione di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini Iva.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube