Coronavirus, la speranza dagli anticorpi neutralizzanti

13 Maggio 2020
Coronavirus, la speranza dagli anticorpi neutralizzanti

Gli esperimenti che stanno dando buoni risultati e che partono dai guariti.

La chiave per sconfiggere il Coronavirus potrebbe essere negli anticorpi neutralizzanti. Sono le difese sviluppate dai guariti dal Covid-19. Isolandole, si possono usare per impedire alla proteina Spike del Covid di andarsi ad agganciare ai recettori Ace, che sono la porta d’ingresso del virus e che si trovano nel sangue e negli occhi, come ci dicono alcuni studi recenti.

L’ultimo, riguardo gli anticorpi neutralizzanti, è a firma degli scienziati cinesi della Capital Medical University di Pechino. Ci parla di questa promettente scoperta una nota dell’agenzia di stampa Adnkronos. Lo studio, pubblicato su Science, è consistito nell’identificare una coppia di anticorpi neutralizzanti – isolati da un paziente guarito da Covid-19 – che si legano alla proteina Spike, bloccando la capacità di questo arpione di legarsi al recettore Ace2 umano per far entrare il virus nelle cellule.

I test preliminari sui due anticorpi, condotti in un modello murino, hanno portato a una riduzione dei titoli virali, suggerendo ai ricercatori cinesi che gli anticorpi possono offrire benefici terapeutici, oltre a essere utili per la progettazione di terapie e candidati vaccini per combattere Covid-19. Il team di Yan Wu ha scoperto che gli anticorpi, chiamati B38 e H4, possono legarsi simultaneamente a epitopi diversi sul recettore della Spike, in modo da avere insieme un effetto neutralizzante più forte che da soli; una previsione supportata da esperimenti in vitro.

Gli autori suggeriscono dunque che un cocktail di entrambi gli anticorpi potrebbe fornire benefici ai pazienti, mentre le nuove informazioni ottenute grazie allo studio potrebbero aiutare a sviluppare nuovi antivirali e candidati vaccini per combattere Sars-Cov-2.

Sugli anticorpi neutralizzanti sta puntando praticamente tutto il mondo, nell’attesa di un vaccino che possa farci ottenere l’immunità dal Coronavirus. È notizia di oggi, dataci sempre dall’Adnkronos, quella dell’isolamento di 17 anticorpi neutralizzanti contro Covid-19, nell’ambito del progetto di ricerca partito due mesi fa, a cura di Fondazione Toscana Life Sciences (Tls) e Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani.

I dati sono stati pubblicati su BioRxiv. Un lavoro, firmato da oltre venti ricercatori, che mostra gli avanzamenti dell’attività di laboratorio che ha selezionato oltre mille cellule B, producendo un numero significativo di anticorpi da testare, tra i quali 17 “sono risultati estremamente promettenti, poiché mostrano effetto neutralizzante sul virus vivo”.

“In questo momento – precisa Claudia Sala, senior scientist del Mad Lab (Monoclonal Antibody Discovery) presso Fondazione Tls – i 17 anticorpi stanno per essere clonati ed espressi in laboratorio in modo da poter disporre di una quantità maggiore per saggi che confermino la loro attività biologica contro Sars-CoV-2. Questa ulteriore fase di controlli e selezione potrebbe durare circa tre settimane”. A breve terminerà la selezione degli anticorpi che permetterà di avere uno o più candidati da proporre per i test sull’uomo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube