Diritto e Fisco | Articoli

Spogliarsi su Skype ed essere ricattati: video nudi su internet


Spogliarsi su Skype ed essere ricattati: video nudi su internet

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 ottobre 2013



La denuncia alla polizia postale potrebbe non essere immediatamente efficace: i tempi sono lunghi e incerti; non resta che affidarsi ai sistemi di filtraggio preventivo di Facebook o alla segnalazione e rimozione del contenuto illecito.

“Ciao, mi piacerebbe conoscerti. Ti va di vederci su Skype?”

L’adescamento inizia con un semplice, candido appuntamento. L’esca è una ragazza carina, quella – apparentemente – della porta accanto. La vittima, invece, un giovane dai bollori adolescenziali.

Lei lo cerca, lo contatta, dice di essere interessata a un’amicizia.

Dalla mail si passa all’appuntamento davanti alla cam. La conversazione su Skype si scalda velocemente, i complimenti incalzano, diventano sempre più seducenti e provocatori. Lei finge un po’ di pudore e di tentennamenti. Poi decide di lasciarsi andare.

La ragazza inizia a mostrare il proprio corpo nudo, invitando il malcapitato a fare altrettanto.

La trappola è scattata. Mentre la vittima ha ormai compiuto gli inequivocabili gesti di chi si è lasciato andare, la conversazione si interrompe e arriva il messaggio con il ricatto: “Ho registrato tutto il video. Se non vuoi che lo faccia circolare su Facebook tra i tuoi amici, mi devi inviare 300 euro”.

È un cliché che, ormai, si ripete sempre più spesso. Alcuni giovani non reggono al peso e ricorrono all’aiuto dei genitori. Altri, invece, tengono per loro l’insostenibile peso di una possibile onta. Si cercano soluzioni su internet, tra amici. Ma nessuno sa quale sia la soluzione migliore.

Certamente, la denuncia alla polizia postale è un atto dovuto sotto l’aspetto civico, ma non sempre efficace. Difatti le indagini possono essere assai lunghe, mentre la diffusione delle immagini sulla rete corre più veloce. Ci vuole un secondo per perdere definitivamente la faccia con i compagni; possono essere invece necessari più di sei mesi per avviare le attività istruttorie.

Non solo. Skype sfrutta linee difficilmente tracciabili e, a meno di aver conservato l’email contenente i contatti dell’adescatrice, è pressoché impossibile rintracciare il contatto. Inoltre anche la stessa email potrebbe essere stata inviata sfruttando gestori “poco collaborativi” con le autorità o utilizzando linee wi-fi di terzi lasciate sprotette.

Insomma, la via legale, per quanto necessaria, può essere altrettanto inutile.

Pagare? Certo è la soluzione più facile e immediata. Tuttavia, a meno che si voglia sottostare a tale tipo di ricatti, la questione resta poi la possibile reiterazione della pretesa. Oggi 300 euro, domani 500, dopodomani 1000. Quale garanzia ha la vittima che l’estorsione termini dopo il primo pagamento?

Cancellarsi da Facebook? Ovviamente non serve a nulla. Anzi, il malcapitato non potrà, in questo caso, sapere se, alle sue spalle, viene portata a termine l’attività diffamante. A tutto voler concedere, potrebbe essere più opportuno “sospendere” momentaneamente il proprio account (possibilità concessa da Facebook, tra gli strumenti del profilo) e attivarne uno nuovo di emergenza, avendo cura di richiedere l’amicizia ai precedenti contatti. In questo modo, se da un lato tale comportamento potrebbe vanificare, agli occhi del molestatore, qualsiasi ricatto, dall’altro lato renderà possibile controllare, dietro le quinte, eventuali attività illecite ai propri danni.

 

Una tutela, forse, c’è. Facebook possiede dei sistemi di controllo in grado di filtrare immagini e video. Il social network, infatti, al tentativo di caricare un’immagine o, peggio, un video con contenuti erotici, applica una censura in grado di impedire l’upload del contenuto. Non solo: qualora si riuscisse a caricare una immagine di tal tipo, l’interessato potrebbe segnalare l’abuso ai gestori della piattaforma, con un veloce click. In questo, Facebook è molto attento, atteso che, di recente, ha aperto le proprie porte anche ai minori tredicenni (prima impossibilitati a rendere pubblici i propri stati).

Il filtro di Facebook, però, non garantisce la vittima da ulteriori forme di propagazione virale del contenuto (email, youtube, messaggerie, ecc.).

Certo, in alcuni casi l’indifferenza potrebbe essere una tattica vincente. Chi compie questo genere di crimini mira ad ottenere solo il denaro e non la rovina della propria vittima. Per cui se quest’ultima dovesse dileguarsi, il ricattatore non avrebbe più interesse a proseguire nell’azione illecita.

COME SCOPRIRE I PROFILI INSIDIOSI

Dopo aver sentito le vostre storie e averle “studiate”, abbiamo creato una guida per scoprire i profili che presentano un alto livello di rischio. A riguardo, quindi, vi rinviamo all’articolo: “Da Facebook a Skype: l’invito a spogliarsi parte dalla chat“.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

84 Commenti

  1. ma se fate queste cose fatelo da furbi, usate un account falso e gli amici che avete su quell ‘ account metteteli falsi , altra cosa per vedere se è un fache, ditegli all’improvviso di salutarvi o mandarvi un bacio con la bocca.
    altra cosa, di solito i video non hanno il vocale e di solito sono presi su un sito che si chiama “nuda in cam” sede in Inghilterra non mettete carte di credito su questo sito che poi non potete più levarle a mano di mandare una lettera in Inghilterra o dovete fare denuncia di smarrimento dai carabinieri per farvela eliminare dalla banca ( metodo più rapido e meno costoso)

  2. A me è successo proprio ieri sera su messaggero mi ha pubblicato già il video come posso difendermi da questa mia debolezza avuta per un minuto e mezzo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI