Superbonus del 110%: meno vincoli nel Dl Rilancio

14 Maggio 2020 | Autore:
Superbonus del 110%: meno vincoli nel Dl Rilancio

Norme meno rigide sul miglioramento delle classi energetiche e sul sismabonus, che ora interessa più Comuni. Cade l’obbligo della polizza anticalamità.

Il decreto Rilancio appena approvato dal Governo toglie qualche vincolo per poter usufruire del superbonus del 110% sulle opere di ristrutturazione edilizia che prevedano una riqualificazione energetica degli immobili. Una delle semplificazioni riguarda l’obbligo, per accedere alla detrazione fiscale, relativo al miglioramento di due classi energetiche dell’edificio. Questa condizione resta, ma viene alleggerita da questa frase inserita all’ultimo momento: «Ovvero se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (Ape)». Significa che, per qualsiasi motivo per cui l’edificio non consente il «salto» di due classi, ne basterà una sola per beneficiare del superbonus.

Come si raggiunge questo miglioramento? Attraverso diversi interventi. Da un lato, la scelta tra quelli denominati «trainanti», ovvero il cappotto termico o l’installazione di caldaie a pompa di calore o a condensazione. Dall’altro, con i pannelli solari da aggregare all’intervento principale di ristrutturazione.

Altro vincolo che cade riguarda il sismabonus: sarà ammesso non solo nelle zone sismiche 1 e 2, ma anche nella zona 3, fino a ieri esclusa dall’agevolazione.

Su questo fronte, però, c’è un’altra importante novità, ed è l’ipotesi di poter portare in detrazione al 90% l’acquisto di una polizza assicurativa anticalamità, nel caso in cui il credito d’imposta maturato con i lavori edili sia stato ceduto ad una compagnia di assicurazioni. Non ci sarà, invece, contrariamente a quanto previsto, l’obbligo di sottoscrivere una polizza.

Per il resto, il decreto Rilancio mantiene le altre caratteristiche del superbonus. Occorrerà chiedere il visto di conformità ai centri di assistenza fiscale per poter accedere alla cessione del credito alle banche e allo sconto in fattura, cioè ai due strumenti che garantiscono al contribuente di realizzare i lavori senza dover pagare nemmeno un anticipo.

Professionisti e tecnici dovranno fare l’asseverazione sia degli interventi per l’ecobonus, sia per quelli destinati al sismabonus. Chi rilascia un’attestazione infedele rischia delle sanzioni pecuniarie che devono ancora essere definite.

Rimane anche il vincolo sui materiali utilizzati, anche questi in attesa di definizione con appositi decreti ministeriali da adottare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto.

Per quanto riguarda i tetti di spesa, resta la differenza tra condomini e singole unità abitative. Nel primo caso, per interventi sulle parti comuni degli edifici, la soglia è di 30mila euro da moltiplicare per il numero delle unità immobiliari. Nel secondo, il limite è sempre lo stesso: 30mila euro. Un grosso vantaggio per i condòmini che, sommando tutti i rispettivi tetti di spesa, potranno affrontare degli interventi più consistenti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. L’intervento riguarda l’intero edificio o si può effettuare su una singola unità abitatativa.
    Leggendo il comma 10 si può fare su una singola unità abitativa: a quel punto come si calcola il 25% della superficie dispendente da isolare? Immagino all’interno dell’unità abitativa…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube