Cronaca | Articoli

Coronavirus: mascherine in arrivo dalla Cina

14 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus: mascherine in arrivo dalla Cina

Nuovi voli da Pechino e Shenzhen con ventilatori polmonari e altri dispositivi di protezione individuale.

Per far fronte all’emergenza Covid-19, prosegue il ponte aereo medico-sanitario dalla Cina all’Italia. Nel nostro Paese, sono attesi oggi due cargo speciali. Una nota dell’ambasciata italiana a Pechino, sottolinea che la prima spedizione è stata realizzata grazie allo straordinario impegno di Snam, che ha sostenuto tutti i costi relativi al volo operato da Neos.

L’aereo arriva da Pechino ed è destinato a rifornire di dispositivi di protezione individuale la Protezione Civile italiana e altri enti, tra cui: la Regione Campania e la Regione Marche, la Guardia di Finanza, l’Agenzia dell’Entrate, la Croce Rossa Italiana, le città di Marsala, Palermo, Prato e Roma, gli ospedali di Bergamo e Careggi.

Si tratta di materiale in parte acquistato e in parte frutto di donazioni, tra cui sono comprese quelle dell’Associazione Studenti Cinesi Laureati all’Università degli Studi di Firenze (Tang Zhu), delle autorità della Regione Autonoma di Ningxia Hui, di Casic (China Aerospace Science and Industry Corporation), di Icbc, dell’Amministrazione di Stato per la Fiscalità della Repubblica Popolare Cinese, di Maccaferri.

Un secondo velivolo è decollato da Shenzhen e porterà le forniture acquisite dalla Struttura di sostegno al Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19. L’operazione è stata realizzata con il coordinamento dell’Ambasciata d’Italia e della rete diplomatico-consolare italiana in Cina.

Secondo la nota, riportata dall’agenzia di stampa Adnkronos, l’operazione consentirà di portare complessivamente in Italia altre 16 milioni di mascherine, 30 ventilatori polmonari, 50.000 tute protettive, 1.000 visiere, 250.000 paia di guanti e 50.000 calzari.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube