Dl Rilancio: sospesi i pagamenti delle tasse

14 Maggio 2020
Dl Rilancio: sospesi i pagamenti delle tasse

Le scadenze dei versamenti Iva, ritenute e contributi sono rinviate a settembre e con possibilità di pagamento rateale. 

Il Decreto Rilancio varato ieri sera dal Consiglio dei Ministri e di prossima pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale offre più tempo ai contribuenti italiani per pagare le tasse.

Ora i versamenti sono sospesi fino a settembre: precisamente, è stato prorogato dal 30 giugno 2020 al 16 settembre 2020 il termine per i versamenti di imposte e contributi, che il Decreto Cura Italia aveva già sospeso per i mesi di marzo, aprile e maggio.

Le nuove norme, contenute nell’art. 131 del Decreto Rilancio, prorogano ulteriormente le sospensioni dei versamenti che erano già state stabilite dai precedenti Decreti (Cura Italia e Liquidità) per i medesimi tributi – come l’Iva, le ritenute sui redditi di lavoro dipendenti ed assimilati, i contributi previdenziali ed assistenziali e i premi per l’assicurazione obbligatoria – e in favore degli stessi beneficiari, imprenditori e professionisti che hanno registrato un calo di fatturato durante il lockdown o rientrano nelle iniziali zone rosse.

Alla ripresa di settembre, i versamenti potranno essere effettuati in unica soluzione oppure rateizzati nei quattro mesi successivi, senza interessi.

Per i tributaristi è “apprezzabile il rinvio a settembre delle scadenze fiscali e contributive di alcuni adempimenti, ma avrebbe dovuto essere generalizzato come avevamo richiesto, così come molto apprezzabile è la cancellazione dei versamenti di saldo ed acconto dell’Irap, ma anche qui però si sarebbe dovuto prevedere non la cancellazione ma il rinvio a novembre delle altre tipologie di acconto di imposte e contributi collegati alla dichiarazione dei redditi“, dice all’Adnkronos i presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi (Int), Riccardo Alemanno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube