Cronaca | News

Silvia Romano lancia un appello alla calma su Facebook

14 Maggio 2020 | Autore:
Silvia Romano lancia un appello alla calma su Facebook

La cooperante milanese rapita e liberata sabato in Somalia: «Non arrabbiatevi per difendermi, il peggio per me è passato».

Il clima attorno a lei si è fatto pesantissimo, ma Silvia Romano non solo non perde la calma, ma invita tutti a non farlo, a partire da chi oggi la sostiene a spada tratta: «Vi chiedo di non arrabbiarvi per difendermi, il peggio per me è passato».

La cooperante milanese rapita un anno e mezzo in Kenya e liberata lo scorso fine settimana in Somalia scrive così su Facebook, in un post che solo i suoi contatti possono leggere: «A tutti gli amici e le amiche che mi sono stati vicini con il cuore in questo lungo tempo – recita il testo completo – grazie grazie, grazie. Grazie anche a chi non era un amico, ma un conoscente o uno sconosciuto e mi ha dedicato un pensiero. A tutti coloro che hanno supportato i miei genitori e mia sorella in modo così speciale e inaspettato: scoprire quanto affetto gli avete dimostrato per me è stato ed è solo motivo di gioia, sono stati forti anche grazie a voi e io sono immensamente grata per questo. Non vedevo l’ora di scendere da quell’aereo perché per me contava solo riabbracciare le persone più importanti della mia vita, sentire ancora il loro calore e dirgli quanto le amassi, nonostante il mio vestito».

Silvia – che ora vuole sentirsi chiamare Aisha dopo la sua conversione alla religione islamica, continua: «Sentivo che loro e voi avreste guardato il mio sorriso e avreste gioito insieme a me perché alla fine io sono viva e sono qui. Sono felice perché ho ritrovato i miei cari ancora in piedi, grazie a Dio, nonostante il loro grande dolore. Perché ho ritrovato voi tutti pronti ad abbracciarmi. Io ho sempre seguito il cuore e quello non tradirà mai. Vi chiedo di non arrabbiarvi per difendermi – conclude la ragazza – il peggio per me è passato. Godiamoci questo momento insieme. Vi abbraccio tutti virtualmente forte e spero di farlo presto anche dal vivo. Vi voglio bene».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube