Dl Rilancio: raddoppia il bonus baby sitter

14 Maggio 2020
Dl Rilancio: raddoppia il bonus baby sitter

Diventa di 1.200 euro per chi non ne aveva ancora usufruito. Possibilità di spenderlo anche in centri estivi e servizi per l’infanzia.

Il Decreto Rilancio varato dal Governo non contiene solo misure in favore di lavoratori ed imprese ma, entro certi limiti, potenzia anche il sostegno alle famiglie.

Innanzitutto, prevede il diritto al lavoro agile, lo smart working per i genitori di figli fino a 14 anni che potranno svolgere la prestazione da casa. Inoltre, sempre per conciliare la famiglia con il lavoro, proroga i congedi parentali fino a 30 giorni per i genitori che sono lavoratori dipendenti nel settore privato ed hanno figli di età non superiore a 12 anni: riceveranno un’indennità al 50% della retribuzione. I congedi potranno essere fruiti fino al 31 luglio 2020 e saranno coperti da contribuzione figurativa.

In alternativa a questa possibilità, l’art. 75 del Decreto Rilancio consente di cumulare il bonus baby sitter introdotto dal Decreto Cura Italia per un ammontare di 600 euro e raddoppia questo importo, che dunque diventa di 1.200 euro, per chi non l’ha ancora ottenuto.

Potrà essere utilizzato – specifica la nuova norma – «per la comprovata iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l’infanzia, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia».

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha dichiarato che «insieme ai ministri Bonetti, Azzolina e Spadafora, oltre a regioni e Anci, stiamo definendo linee guida per far sì che vengano aperti i centri estivi e dare la possibilità alle famiglie di portare i bambini in questi centri e poter andare a lavorare. Il bonus baby sitter può essere speso anche per questi centri estivi».

Per il personale sanitario e delle forze di polizia o di soccorso il bonus si cumula e raggiunge il limite massimo di 2.000 euro complessivo per l’acquisto di servizi di baby sitting.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube