Stop contributi Inps per artigiani e commercianti

15 Maggio 2020
Stop contributi Inps per artigiani e commercianti

Sospesa la prima rata dei versamenti in scadenza il 18 maggio: anche a queste categorie si applicano le norme del Decreto Liquidità. 

Stop alla prima rata dei contributi obbligatori per artigiani e commercianti in scadenza il 18 maggio 2020: la sospensione dell’obbligo di versamento stabilita dal Decreto Liquidità riguarda anche queste categorie, se in possesso dei requisiti previsti. Lo precisa oggi l’Inps, in una nota diffusa dall’agenzia stampa Adnkronos.

La sospensione riguarda la prima rata di contribuzione sul minimale dell’anno 2020. Il Decreto Liquidità ha stabilito [1] l’esonero per gli esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro, che hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno un terzo nei mesi di marzo e di aprile 2020 rispetto agli stessi mesi del 2019.

Ma non era specificato se vi rientrassero gli esercenti attività commerciali e artigianali. Così il chiarimento dell’Inps giunge opportuno, a pochi giorni dalla scadenza dei termini dei versamenti dei contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria.

I versamenti così sospesi, secondo quanto prevede il Decreto Liquidità, potranno essere effettuati, senza sanzioni e interessi, entro il 30 giugno 2020 oppure rateizzati, in un piano fino a 5 rate mensili di pari importo a decorrere da giugno. Ma il Decreto Rilancio già approvato dal Consiglio dei Ministri e in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale farà slittare ulteriormente questi termini al 16 settembre. Non è invece possibile chiedere il rimborso di quanto eventualmente già versato.


note

[1] Art. 18 Decreto Legge n.23/2020 del 8 aprile 2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube