HOME Articoli

Miscellanea Gratuito patrocinio: compensi ridotti retroattivamente di un terzo

Miscellanea Pubblicato il 22 ottobre 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 22 ottobre 2013

Ridotte del 33% le parcelle per gli avvocati che accetteranno incarichi con il gratuito patrocinio: la legge di stabilità stringe la cinghia.

Il gratuito patrocinio non è mai stato un grande affare per gli avvocati. Chi accetta l’incarico lo fa più per una scelta civica e una vocazione filantropica, che non per finalità lucrative, complici le decurtazioni dei compensi che il mandato implica.

Come se ciò non bastasse, il disegno di legge di Stabilità 2014 aumenta ancor di più i tagli nei confronti dei professionisti e, peraltro, lo fa in modo retroattivo (quindi anche per i procedimenti già definiti). Una nuova norma [1] prevede infatti un alleggerimento di un terzo  per i compensi di difensori e consulenti nei procedimenti di gratuito patrocinio e di un quarto per gli avvocati degli enti pubblici.

In particolare il ddl Stabilità 2014 prevede che nei procedimenti in cui sono coinvolti indigenti beneficiari del patrocinio a spese dello Stato, gli importi spettanti al difensore, al consulente tecnico d’ufficio, al consulente tecnico di parte e all’investigatore privato autorizzato sono ridotti di 1/3.

L’abbattimento opererà per le liquidazioni che verranno pagate dopo la data di entrata in vigore della legge di Stabilità e cioè dopo l’1 gennaio 2014. Ma avrà valore retroattivo: per cui, si applicherà anche ai procedimenti che, chiusi per esempio il 10 gennaio, si sono svolti prima ancora dell’approvazione della riforma in commento. In altre parole, anche per i processi già definiti, se il giudice non ha ancora liquidato il compenso al professionista, ci sarà comunque la riduzione del compenso.

La cinta si stringe anche per gli avvocati dello Stato. Dal 1° gennaio 2014 e fino al 31 dicembre 2016, i compensi professionali liquidati a seguito di sentenze favorevoli per le pubbliche amministrazioni o di altre analoghe disposizioni legislative o contrattuali, in favore dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, incluso il personale dell’Avvocatura dello Stato, saranno corrisposti nella misura pari al 75% [2].

note

[1] Art. 18 del ddl Stabilità 2014, comma 21.

[2] articolo 11, comma 6 del ddl Stabilità 2014.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Ma la legge non dispone solo per l’’avvenire? Non dovrebbe avere un effetto retroattivo! Credo.. 🙂

    1. Questa è la regola, ma come vede, molto spesso viene derogata. Uno di questi casi è quello in oggetto.

  2. Si discute sempre e solo dei compensi liquidati con il gratuito patrocinio. Ma dei LAUTI compensi liquidati agli avvocati dei collaboratori di giustizia e agli amministratori giudiziari, che sono delle lobby, nn conviene allo stato intervenire con la riduzione o abbattimento delle parcelle!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI