Dove si può andare dal 18 maggio e dove ancora no

17 Maggio 2020 | Autore:
Dove si può andare dal 18 maggio e dove ancora no

Gli spostamenti consentiti nella Fase 2 avanzata: le regole del nuovo Decreto, le prescrizioni e i divieti che occorre ancora rispettare.

Corriamo «un rischio calcolato»: così ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in videoconferenza agli italiani, annunciando le riaperture e la ripresa degli spostamenti che saranno consentiti da lunedì 18 maggio.

Un grosso passo avanti, dopo il lungo lockdown di oltre 100 giorni, che ora diventa realizzabile grazie ai dati epidemiologici «incoraggianti», ma con tutta la prudenza del caso: se le curve epidemiologiche dovessero tornare a salire, saremmo costretti a fare un passo indietro e tornerebbero in vigore le restrizioni.

Intanto, si procede «con fiducia e responsabilità», ha ammonito il premier, con la ripartenza programmata in base al nuovo Decreto: da lunedì 18 maggio diventa possibile spostarsi senza nessuna limitazione entro la propria Regione. Solo per i quarantenati ed i positivi al Covid-19 c’è l’obbligo assoluto di rimanere a casa.

Tutti gli altri potranno circolare liberamente nel territorio della Regione di appartenenza: non serve più un preciso motivo per uscire e muoversi e ci si potrà incontrare con chi si vuole. «Riprende la vita sociale, gli incontri con gli amici», ha detto Conte, sottolineando quelle possibilità che sinora erano state fortemente limitate e soggette a pesanti restrizioni, sacrificando libertà ed affetti e che ora invece possono riprendere a manifestarsi.

Gli spostamenti e le frequentazioni tornano possibili verso le abitazioni private, per strada o anche nei locali, perché dalla stessa data del 18 maggio riaprono anche bar, ristoranti e quasi tutte le attività commerciali. Però bisognerà rispettare sempre il divieto di assembramento e mantenere il distanziamento sociale di almeno un metro. Queste regole rimangono fondamentali e sono imprescindibili per la riuscita della fase 2.

Servirà anche la mascherina, un accessorio indispensabile, da portare al seguito e indossare all’occorrenza. Sicuramente in tutti i luoghi pubblici che si trovano in locali chiusi, come negozi ed uffici (tranne in alcuni casi, come ad esempio quando si è seduti nei ristoranti), ed anche quando ci si trova all’aperto, se non c’è possibilità di rispettare le distanze.

Sparisce anche l’autocertificazione, perché non occorre più dichiarare il motivo dello spostamento, tranne che per muoversi oltre i confini della propria Regione.

A ben vedere però qualche limite alle possibilità concrete di movimento ancora rimane, ma è provocato dalle riaperture scaglionate e non dai divieti di circolazione: infatti le palestre, le piscine ed i centri sportivi riapriranno a partire dal 25 maggio, mentre per cinema, teatri e musei bisognerà aspettare il 15 giugno. Le Regioni però potranno anticipare o posticipare queste date in base alla propria situazione epidemiologica.

Invece, rimangono ancora delle restrizioni per poter varcare i confini della Regione. Si potrà andare fuori Regione senza limiti soltanto a partire dal 3 giugno, mentre per ora ci si può spostare soltanto per motivi di lavoro, di salute o di assoluta necessità, oltre che per fare rientro nel proprio luogo di residenza, abitazione o domicilio. E per farlo occorrerà ancora essere muniti di autocertificazione, da esibire ai controlli.

Dunque, si potrà andare liberamente nella seconda casa se si trova nella stessa Regione in cui si vive; altrimenti (a meno che non ci siano motivi di assoluta urgenza, come la rottura di un impianto o un allagamento), bisognerà attendere fino al 3 giugno, quando diventerà consentito anche andare all’estero. Per ora è stabilito che ciò potrà avvenire soltanto nei Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen, compresa la Svizzera e non ancora nel resto del mondo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buona sera,
    secondo il nuovo DPCM risulta che gli spettacoli in teatri e cinema sono sospesi fini al 14 giugno 2020 ((art. 1 lett. m)).
    Ma non trovo la stessa limitazione per i musei, menzionati all’art. 1 lett. p), che a mio avviso possono riaprire già da lunedì 18.
    Per quanto riguarda le attività di piscine e palestre in Regione Lombardia non saranno consentite fino al 31 maggio 2020 (Ordinanza n. 547 del 17/05/2020).

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube