Cronaca | News

Coronavirus, ufficiale: addio a tutti i concerti estivi

18 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus, ufficiale: addio a tutti i concerti estivi

Assomusica: saltano tutti i tour fino al 2021. Rinviate le date di Vasco, Zucchero, il concerto delle 7 donne, McCartney e Lenny Kravitz, tra gli altri.

Erano uno dei simboli dell’estate: i concerti in piazza, in spiaggia, negli stadi, nei grandi spazi. Chi sperava che col passare dei mesi si potesse salvare l’appuntamento con la musica resterà deluso: le grandi star della canzone saranno costrette a saltare questo giro. Il motivo, manco a dirlo, il coronavirus.

La notizia ufficiale è stata data da Assomusica, l’associazione che vede insieme i produttori e gli organizzatori di spettacoli di musica dal vivo: tutto è stato rimandato al 2021. E non solo gli eventi in programma per l’estate, ma anche quelli he sfioravano l’autunno: salta, ad esempio il concerto di Ligabue organizzato per il 19 settembre all’Arena di Campovolo in occasione dei 30 anni di carriera della rockstar.

Addio anche all’evento «Una, nessuna, centomila» che vedeva protagoniste le sette grandi donne della musica italiana: Laura Pausini, Giorgia, Elisa, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Emma Marrone e Alessandra Amoroso, impegnate contro la violenza di genere. Gli oltre 85mila biglietti già venduti per l’evento alla Rcf Arena restano, comunque, validi per la nuova data che deve essere ancora fissata.

Non saliranno sul palco nemmeno gli altri big della musica attesi in tour quest’estate: Vasco, Francesco De Gregori, Zucchero, Cesare Cremonini, Claudio Baglioni, Antonello Venditti. Sospesi anche i concerti di Tiziano Ferro che, con una punta di polemica, ha letto ai fan in un video il decreto del Governo e annunciato che gli stessi concerti del suo tour verranno fatti nel 2021.

Resterà sicuramente deluso il pubblico di Paul McCartney: l’ex beatle era atteso a giugno in Toscana. Come pure dovranno mandar giù il rospo i fan di Lenny Kravitz.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube