Diritto e Fisco | Articoli

Voli: cancellazione, ritardi e bagagli. Le tutele del passeggero

9 gennaio 2014


Voli: cancellazione, ritardi e bagagli. Le tutele del passeggero

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 gennaio 2014



Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla cancellazione volo, imbarco negato, rimborso biglietto, volo alternativo, bagagli smarriti, danneggiati o in ritardo.

Nell’ambito aereo il viaggiatore che ha subito una cancellazione del volo ha diritto, secondo le norme UE, alla stessa compensazione economica offerta in caso di imbarco negato, a meno che:

– non sia stato informato della cancellazione almeno due settimane prima della data di partenza,

– non abbia ricevuto un volo alternativo a un orario vicino a quello originale

– o la compagnia aerea non riesca a dimostrare che la cancellazione è stata causata da circostanze eccezionali.

La compagnia può offrire scelta tra:

rimborso del biglietto entro sette giorni,

– un volo alternativo per la destinazione finale in condizioni simili a quelle originali, e all’occorrenza l’assistenza necessaria (accesso ad un telefono, bevande, vitto, alloggio e trasporto all’alloggio).

Nel caso di acquisto di un pacchetto vacanza, i tour operator hanno l’obbligo di fornire informazioni accurate e complete sulle prenotazioni. Devono onorare i termini contrattuali e tutelare i passeggeri in caso di insolvenza.

Nel caso il bagaglio sia smarrito, danneggiato o subisca ritardi, il passeggero ha diritto ad un risarcimento massimo di 1220 euro.

Tuttavia le compagnie aeree non sono responsabili se hanno adottato tutte le misure possibili per evitare il danno o se non era possibile adottare tali misure.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI