Coronavirus: le ultime novità sulla corsa ai vaccini

19 Maggio 2020 | Autore:
Coronavirus: le ultime novità sulla corsa ai vaccini

Solo 8 candidati hanno già raggiunto la fase della sperimentazione sull’uomo.

E’ ancora ai primi giri di pista la corsa ai vaccini contro il virus che nel giro di pochissimo tempo ha messo in ginocchio tutto il mondo.

Attualmente, sono 118 i prototipi di vaccino in fase di sperimentazione. Fra questi, soltanto 8 hanno già raggiunto la fase della sperimentazione sull’uomo. A fare il punto sulla situazione odierna è l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco con un editoriale pubblicato sul sito ‘MedicalFacts.it’, il sito fondato da Roberto Burioni.

Lopalco sottolinea che si tratta di un record, dal momento che in genere un prototipo di vaccino per arrivare alla sperimentazione umana ci mette solitamente dai 5 agli 8 anni. Secondo l’esperto, le ricerche portate avanti “da Oxford, dagli Usa e dalla Cina sono in vantaggio su tutti, ma con tre metodi diversi”.

“Nel caso del Covid-19 la ricerca si è avvantaggiata del fatto che numerose piattaforme sperimentali erano state avviate già ai tempi della Sars. Poi quel virus era sparito (o così si pensava) e quei progetti erano stati messi in un cassetto”, precisa Lopalco.

I vaccini in sviluppo sono di diverso tipo. Ma quali sono precisamente? Analizziamoli nel dettaglio

Vaccini in sviluppo

“Alcuni utilizzano vecchie tecnologie, sono cioè costituiti da virus inattivati (tipo il vaccino Salk contro la poliomielite), o vivi ma attenuati (come il vaccino contro il morbillo): insomma – osserva l’epidemiologo dell’Università di Pisa -vecchie conoscenze della vaccinologia. Molti gruppi di ricerca, invece, hanno seguito strade decisamente innovative, che le moderne tecnologie di biologia molecolare ormai permettono”.

Una strada è rappresentata da vaccini a base di Dna o Rna – spiega Lopalco – Il principio si basa sulla possibilità che, una volta iniettato, una porzione selezionata di materiale genetico derivato dal virus inneschi la produzione da parte delle cellule del soggetto vaccinato della proteina di superficie del virus (la famosa proteina ‘spike’).

In pratica, l’antigene vaccinale – appunto la proteina spike – anziché essere iniettato dall’esterno, viene prodotto dalle stesse cellule del soggetto vaccinato, che diventano per un breve periodo vere e proprie fabbriche di vaccino. Questa proteina, una volta in contatto con le cellule del sistema immunitario, stimolerà la produzione di anticorpi specifici contro il Sars-CoV-2, che quindi conferiranno protezione in caso di futuro incontro con il virus. Ben tre prototipi di vaccino basati su questo concetto sono oggi in sperimentazione sull’uomo.

Un’altra strada, sempre basata su tecnologie molto avanzate, utilizza vettori virali. “Si tratta di adenovirus – virus che normalmente provocano malattie simili al raffreddore – modificati in maniera da essere incapaci di replicarsi nell’uomo. Si comportano dunque – analizza Lopalco – come vettori passivi, che però sono in grado di esprimere la proteina spike del coronavirus e quindi stimolare la produzione di anticorpi specifici da parte del vaccinato”.

“Far i vaccini di cui si è parlato di più nelle ultime settimane vi è quello sviluppato dall’Università di Oxford, in collaborazione con un gruppo di ricerca italiano, che è basato appunto su un vettore virale non replicante – ricorda l’epidemiologo – C’è poi quello sviluppato negli Stati Uniti da una azienda di biotecnologie con il supporto dell’Istituto Nazionale per le malattie infettive e allergiche americano, che è invece basato su un prototipo a Rna. Non a caso la biotech che ha sviluppato l’idea si chiama Moderna. Intanto i ricercatori cinesi, seguendo una strada percorsa fin dagli albori della vaccinologia, cioè quella dei virus inattivati, hanno ben tre vaccini abbastanza promettenti in fase 1 e 2 di sviluppo. Una bella gara: che vinca il migliore”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube