Cronaca | News

Il Dl Rilancio è arrivato, molte agevolazioni ancora no

20 Maggio 2020 | Autore:
Il Dl Rilancio è arrivato, molte agevolazioni ancora no

Il provvedimento è stato firmato dal Quirinale ma tante misure attendono l’approvazione dei decreti attuativi prima di essere efficaci. Ecco quali.

Il Dl Rilancio approvato dal Governo per sostenere famiglie e imprese colpite dall’emergenza coronavirus è stato firmato ieri sera dal presidente della Repubblica per la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ma ciò non vuol dire che tutte le misure contenute negli oltre 260 articoli che compongono il provvedimento siano immediatamente attuabili. Ci vorrà quasi un centinaio di decreti attuativi (98 per la precisione) prima che si possa usufruire di alcune delle agevolazioni previste. C’è ancora da aspettare, insomma.

Tanto per fare qualche esempio, prima di entrare nel dettaglio, bisognerà attendere la fine del mese per avere il decreto attuativo «corale» dei ministeri dell’Interno, dell’Economia, del Lavoro e delle Politiche agricole che consentirà ai datori di presentare domanda per regolarizzare i lavoratori in nero. Per i soldi che servono a sostenere le start up, serve un decreto attuativo che il ministero dello Sviluppo economico dovrà approvare entro 60 giorni dall’entrata in vigore del Dl Rilancio, cioè praticamente da oggi. Un mese, invece, il tempo previsto per i decreti attuativi del ministero dell’Economia che daranno il via al rafforzamento patrimoniale delle medie imprese, cioè quelle che hanno un fatturato tra 5 e 50 milioni di euro. E così via.

Ecco, per settori, i decreti attuativi che devono essere messi a punto prima che arrivino le agevolazioni promesse:

  • salute: 5 decreti per il potenziamento della rete di terapia intensiva, per l’incremento tariffario, per la remunerazione delle strutture, per l’Infrastruttura del fascicolo sanitario elettronico;
  • economia e imprese: 18 decreti che vanno dai contributi a fondo perduto, al rafforzamento patrimoniale delle medie imprese, ai contributi alle start up innovative;
  • lavoro: 10 decreti, tra cui quello del ministero dell’Interno per disciplinare l’emersone del lavoro irregolare. Entro 15 giorni dovrà arrivare il decreto per la cassa integrazione in deroga;
  • famiglia e disabilità: almeno 1 decreto per stabilire le modalità di attribuzione dell’indennità alle strutture semiresidenziali di assistenza dei disabili per tutela da contagio coronavirus;
  • enti territoriali: 7 decreti. Entro fine maggio deve arrivare una convenzione tra il ministero dell’Economia e la Cassa depositi e prestiti per assicurare l’immediata operatività al fondo per pagare i debiti della Pubblca amministrazione;
  • fisco: 10 decreti. Entro 30 giorni dovrà arrivare il provvedimento dell’Agenzia delle entrate sull’ecobonus al 110%;
  • cultura e turismo: 14 decreti. Dal fondo di 150 milioni per il 2020 e 2021 per il rilancio del turismo, all’incremento dei fondi per cinema e spettacolo, alla previsione di 50 milioni per interventi sul patrimonio;
  • editoria: 3 decreti. Entro trenta giorni quello per il bonus edicole. Si attente anche il provvedimento del ministero dello Sviluppo per il fondo emittenti locali;
  • infrastrutture: 9 decreti. La nuova Alitalia attende il provvedimento del ministero dell’Economia. Un decreto sviluppo dovrà attuare il Fondo compensazione danni settore aereo;
  • sport: 1 decreto. Il ministero dell’Economia, d’accordo con l’Autorità delegata in materia di sport, dovrà attuare entro 7 giorni le misure a sostegno dei lavoratori del settore;
  • agricoltura: 5 decreti, tra le altre cose, per il Fondo filiere in crisi, per le misure per il settore vitivinicolo, per settore agroalimentare e per il settore del latte vaccino e ovi-caprino;
  • ambiente: 3 decreti per attuare il sostegno alle zone economiche ambientali, il bonus bici e il Piano mobilità sostenibile;
  • scuola: 4 decreti per i fondi destinati alle scuole private, alle scuole dell’infanzia private, alle scuole primarie e secondarie private e all’Istruzione emergenza Covid;
  • università e ricerca: 4 decreti entro 60 giorni per l’incremento di 62 milioni per il 2020 del fondo per l’università ed entro 90 giorni quello sul sistema nazionale di ricerca;
  • altro: 4 decreti che interessano il Fondo innovazione tecnologica e digitalizzazione, la rideterminazione piante organiche dei giudici ausiliari e il concorso Forze armate, di polizia e vigili del fuoco.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube