Diritto e Fisco | Articoli

Guasto all’auto: quando ci si può far trainare da un altro veicolo

24 Ottobre 2013 | Autore:
Guasto all’auto: quando ci si può far trainare da un altro veicolo

Se ho un guasto alla macchina, posso farla trainare da un’altra auto o devo chiamare necessariamente il carroattrezzi?

Il traino di un veicolo in avaria [1] effettuato mediante un atro veicolo è consentito, tranne che sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali [2].

Per evitare di chiamare il carroattrezzi, è necessario tuttavia osservare alcune regole [3]:

– per il traino è possibile utilizzare funi, cavi, catene, barre rigide o altro mezzo idoneo allo scopo, purché garantiscano un collegamento saldo tra i due veicoli e siano adeguatamente segnalate, di conseguenza, ben visibili agli altri utenti della strada (ad esempio fissando alla fune il giubbotto segnaletico);

– il veicolo trainato deve viaggiare con il dispositivo delle quattro frecce acceso oppure, in mancanza (perché non presente o guasto), deve esporre sulla parte posteriore il segnale di pericolo (il triangolo) o il pannello quadrangolare a strisce oblique bianche e rosse, utilizzato per segnalare le sporgenze posteriori;

– il veicolo trainante, qualora ne sia dotato, deve tenere acceso il dispositivo a luce gialla dei veicoli adibiti al soccorso stradale.

La violazione delle norme descritte comporta una sanzione pecuniaria da 80 a 318 euro. Inoltre, secondo il Tribunale di Roma, in occasione di rimorchio di veicolo in panne con fune di traino non segnalata, qualora il veicolo trainante venga urtato da terzi, lo stesso non ha diritto ad alcuna azione risarcitoria, se dal rapporto della polizia municipale emerge l’assenza di qualsiasi segnalazione [4].

 


note

 

[1] Art. 63 C.d.S.

[2] Art. 175, c. 7, C.d.S.

[3] Art. 165 C.d.S.

[4] Trib. Roma sent. del 16.05.2007.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube