Diritto e Fisco | Articoli

Se la madre si trasferisce e impedisce al padre di vedere il neonato scatta il penale

24 Ottobre 2013 | Autore:
Se la madre si trasferisce e impedisce al padre di vedere il neonato scatta il penale

Necessario l’accordo tra le parti affinché il coniuge collocatario si possa trasferire: rischia la condanna penale la madre separata che, non rispettando la sentenza sull’affidamento, impedisce al padre di vedere il figlio neonato.

 

Se il giudice colloca il minore presso la madre e riconosce al padre il diritto di visita nel corso della settimana, la donna non può poi trasferirsi in un’altra città e di fatto impedire all’ex di vedere il bambino.

Il mancato rispetto della sentenza sull’affidamento costituisce, infatti, reato di elusione dell’esecuzione di un provvedimento giudiziale [1].

È quindi punito chi attua condotte, anche omissive e poco collaborative, finalizzate ad ostacolare ed impedire l’esercizio del diritto di visita e di frequentazione dei figli,  nonostante tale diritto sia riconosciuto da una sentenza

È quanto recentemente stabilito dalla Cassazione [2]. Secondo la Corte, deve essere condannato il coniuge affidatario che, pur obbligato a far sì che l’altro coniuge tenga con sé i figli nei giorni previsti dal giudice, si trasferisca in altra città senza previo accordo con l’ex.

Ciò vale anche quando il minore è un neonato perché la lontananza per lunghi periodi e l’impossibilità di avere contatti col padre può seriamente compromettere il rapporto con questi.

Così i giudici hanno condannato al pagamento di un’ammenda una donna che, eludendo la sentenza sull’affidamento, si era trasferita in un’altra regione, impedendo al padre di vedere il neonato e di instaurare un rapporto con lui.


note

[1] Art. 388 cod. pen., c. 2: “Chiunque, per sottrarsi all’adempimento degli obblighi civili nascenti da una sentenza di condanna, o dei quali è in corso l’accertamento dinanzi l’Autorità giudiziaria, compie, sui propri o sugli altrui beni, atti simulati o fraudolenti, o commette allo stesso scopo altri fatti fraudolenti, è punito, qualora non ottemperi alla ingiunzione di eseguire la sentenza, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da lire duecentomila a due milioni. La stessa pena si applica a chi elude l’esecuzione di un provvedimento del giudice civile, che concerna l’affidamento di minori o di altre persone incapaci, ovvero prescriva misure cautelari a difesa della proprietà, del possesso o del credito”.

[2] Cass. sent. n. 43292 del 23 ottobre 2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube