Cronaca | News

Coronavirus, le regole per riprendere l’attività sportiva

21 Maggio 2020
Coronavirus, le regole per riprendere l’attività sportiva

Il governo pubblica le linee guida con tutte le indicazioni.

Ci siamo quasi: dal 25 maggio riaprono palestre e piscine. Un altro step tanto atteso della Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, dopo la ripresa del commercio al dettaglio e delle attività di ristorazione. Il governo ha pubblicato le linee guida sia per gli allenamenti in squadra che per l’attività motoria in genere.

Le regole per chi va in palestra 

I centri sportivi dovranno essere in grado di far rispettare tutte le regole che, ormai sappiamo, sono alla base della prevenzione del Coronavirus, riassunte in un’infografica:

  • lavare spesso le mani, anche con dispenser di gel disinfettante;
  • mantenere la distanza di un metro da fermi, due metri mentre si fa attività sportiva;
  • bere sempre da bicchieri monouso o bottiglie personalizzate;
  • disinfettare i propri effetti personali e non condividerli (borracce, fazzoletti, attrezzi, ecc);
  • non toccare naso, occhi e bocca con le mani;
  • starnutire e/o tossire in un fazzoletto, evitando il contatto delle mani con il droplet, oppure all’interno della piega del gomito; il fazzoletto, come anche altri materiali usati, va poi buttato in un contenitore richiudibile;
  • possibilmente, arrivare già vestiti per l’attività sportiva che si andrà a svolgere; altrimenti, mettere i vestiti che si tolgono nello spogliatoio o in altri spazi condivisi, all’interno di uno zaino, e lavarli separatamente dagli altri indumenti una volta tornati a casa. Portare con se anche buste sigillanti per la raccolta di rifiuti potenzialmente infetti;
  • non toccare oggetti e segnaletica fissa.

Cosa deve garantire il centro sportivo

Gli utenti dovranno essere informati di tutte queste precauzioni. Il che comporta uno sforzo, da parte dei gestori di piscine, palestre e centri sportivi, per fare in modo che tutti possano adeguarsi. In particolare, andranno messi a disposizione degli sportivi:

  • gel igienizzante;
  • procedure informative affisse nel sito sportivo, nelle zone di accesso, nei luoghi comuni, nelle zone di attività sportiva, nonché negli spogliatoi e nei servizi igienici;
  • sistema di raccolta dedicato ai rifiuti potenzialmente infetti (fazzoletti monouso, mascherine/respiratori);
  • indicazioni sulle corrette modalità e tempi di aerazione dei locali;
  • specifiche attività di filtrazione dell’aria nei locali chiusi ad alta densità di persone o di attività;
  • sanitizzazione a ogni cambio turno.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube