Come andare dal dentista durante la fase 2: le regole

21 Maggio 2020
Come andare dal dentista durante la fase 2: le regole

Gli odontoiatri e ortodontisti hanno riaperto gli studi e garantiscono sicurezza grazie alle indicazioni operative fornite dal ministero della Salute.

Con la fase 2 avanzata, dal 18 maggio sono riaperti gli studi odontoiatrici ed ortodontici, che “riprendono la piena attività in completa sicurezza”, come sottolinea l’Asio (Associazione specialisti italiani in ortodonzia) in una nota diffusa dall’agenzia Adnkronos Salute.

Le linee del ministero della Salute

“Gli studi odontoiatrici ed ortodontici, fino ad oggi limitati alle sole urgenze, sono tornati allo svolgimento dell’attività professionale ordinaria, con l’applicazione di standard di sicurezza molto alti – chiarisce l’Asio – sia per il paziente che per l’operatore sanitario, grazie anche all’applicazione delle ‘Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 della pandemia Covid-19′, validate e diramate dal ministero della Salute in questi ultimi giorni”.

Le attività odontoiatriche 

Le procedure odontoiatriche “per la loro stessa natura comportano una distanza ravvicinata tra operatore e paziente, con esposizione a saliva, sangue e altri fluidi corporei. A ciò si aggiunge l’impiego di strumenti rotanti (turbine, micromotori) che, azionati nel cavo orale, possono generare una grande quantità di aerosol contenente acqua, saliva ed a volte sangue del paziente, con la formazione di ‘droplet’, ossia particelle molto piccole che rimangono sospese per un periodo prolungato”, evidenzia l’Asio.

I protocolli adottati

Così si è reso necessario individuare “protocolli specifici per la fase 2 della pandemia Covid-19″, che vanno dall’ abbigliamento del personale medico e paramedico alla disinfezione degli ambienti e all’accesso agli studi, fino alla gestione delle sale di attesa e dei front-office. Tutto questo – sottolinea l’Asio – “ci consente di ridurre e gestire anche il possibile contagio da parte dei cosiddetti soggetti asintomatici“.

Le indicazioni operative validate dal ministero della Salute forniscono – dice il presidente dell’Asio, Giorgio Iodice, “indicazioni chiare per l’attività operativa odontoiatrica e ortodontica” che consentono agli specialisti “di operare in totale sicurezza“.

Le regole specifiche

Tra i punti fondamentali racchiusi nelle indicazioni operative che gli studi dentistici dovranno attuare, sono previste, in particolare:

  • la sostenibilità, ovvero “l’attuazione delle procedure di disinfezione/sanificazione e l’utilizzo dei dispositivi di protezione“;
  • la massima tutela della salute “dell’intera équipe sanitaria che opera in ambulatorio o studio odontoiatrico”;
  • la sicurezza degli ambienti: qui “si raccomanda il riordino del locale e la disinfezione degli ambienti dopo la prestazione odontoiatrica con detergenti specifici a base di alcol o cloro, invitando a lasciare meno oggetti possibili sulle superfici, per evitare il rischio di contaminazione”;
  • l’attenta “aerazione del locale ambulatoriale, attraverso l’aerazione naturale delle aree operative per almeno 10-15 minuti. Nel caso di condizionatore si raccomanda la pulizia settimanale dei filtri degli impianti secondo indicazioni da manuale d’uso”.
  • l’accurata “disinfezione degli ausili rx e sterilizzazione di tutti gli attrezzi utilizzati”;
  • la “sanificazione e gestione di tutte le aree coinvolte evitando il più possibile assembramenti di persone, dalla sala d’attesa ai servizi igienici”;
  • dove è possibile, si suggerisce anche un “luogo di entrata dei pazienti differente rispetto a quello di uscita“.

Leggi anche l’articolo Coronavirus: posso andare dal dentista?



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube