Lifestyle | Articoli

Come fare per eliminare le cimici

14 Agosto 2020 | Autore: Roberta Jerace
Come fare per eliminare le cimici

Come allontanare questi insetti da casa.

Le cimici sono degli insetti spesso nocivi sia per la salute umana, nel caso di quelle che si annidano nei letti, sia per la salute dell’orto o del giardino se questo viene invaso dalle tipiche cimici verdi. È normale quindi chiedersi come fare per eliminare le cimici magari allontanando questi insetti senza far loro del male. Una delle soluzioni più efficaci ci è fornita proprio dalla natura: le cimici, infatti, sono disturbate particolarmente da alcuni odori come menta, aglio e lavanda che possono essere usati per allontanarle.

Le cimici dei letti, invece, non sopravvivono al calore del lavaggio o a quello del vapore e odiano i colori giallo e verde. Altri suggerimenti per disfarti di questi sgraditi intrusi potrai leggerli nei paragrafi che seguono.

Un problema a parte è rappresentato, invece, dalla cimice asiatica che costituisce una vera calamità per l’agricoltura che ha visto questo insetto alieno, la cui diffusione è stata favorita dai cambiamenti climatici, danneggiare soprattutto le coltivazioni del nord Italia; motivo per il quale la Coldiretti ha evidenziato l’esigenza di immediati interventi.

Come eliminare le cimici da casa

Tra le cimici più comuni che puoi ritrovare nel tuo ambiente domestico vi è una sottospecie chiamata Cimex lectuarius, la temuta cimice dei letti. Questi insetti non sono solo fastidiosi ma possono essere anche pericolosi poiché la puntura della cimice può causare sintomi come l’arrossamento della pelle, l’irritazione e il prurito, ma anche alcuni più gravi come lo shock anafilattico.

Occorre, quindi, mettere in atto tutte le soluzioni per eliminare la cimice dei letti.

  • ispeziona bene tutti i punti nascosti come l’intelaiatura dei letti, i battiscopa, gli spazi dietro gli armadi e i comodini, i libri, le prese della corrente e così via, quindi cerca segni della loro presenza come i gusci delle uova, i residui della muta degli insetti e la presenza delle loro feci (piccoli granelli neri), in modo da verificare di non avere un problema importante da infestazione di cimici. Nel qual caso dovrai ricorrere ad una disinfestazione professionale dalle cimici;
  • controlla con attenzione tutta la biancheria presente nella tua casa. Queste cimici amano i tessuti, perciò presta attenzione non solo a materassi e letti ma anche a biancheria da bagno, tende, divani, sedie e tutti gli elementi in cui potrebbero annidarsi. Procedi quindi a un lavaggio ad alta temperatura dei tessuti che lo consentono;
  • sbatti bene il materasso e passalo con l’aspirapolvere e poi, se ne hai la possibilità, passa ad una pulizia con il vapore ad alta temperatura che possa debellare anche gli insetti che si rifugiano nelle pieghe, nelle cuciture e nelle intercapedini dei tessuti. Le cimici non riescono a sopravvivere a tanto calore e potrai eliminarle in poco tempo;
  • lava i vestiti a 50 gradi per eliminare le eventuali uova delle cimici, poiché anche i vestiti potrebbero essere contaminati e solo procedendo a un rinfresco di tutto l’armadio potrai evitare la loro riproduzione. Inoltre, è raccomandabile l’uso dell’asciugatrice elettrica poiché un ciclo di 20 minuti a temperature alte consente di uccidere le cimici dei letti e le loro uova;
  • secondo uno studio dello Union College pubblicato sul Journal of Medical Entomology le cimici vengono attirate da alcuni colori, in particolare dal rosso e dal nero che scelgono come luoghi preferenziali in cui nascondersi e creare le proprie colonie. Al contrario, fuggono dal giallo e dal verde, quindi puoi utilizzare questi suggerimenti per arredare la casa contro le cimici;
  • esiste in commercio anche una trappola per cimici del letto. Si tratta di un dispositivo simile a un piattino da posizionare sotto le gambe del letto e che impedisce alle cimici di arrampicarsi e raggiungere il materasso.

Come eliminare le cimici verdi

La Palomena Prasina è la tipica cimice verde europea che se schiacciata emette il caratteristico effluvio maleodorante. Invade spesso le nostre case nei periodi estivi ma sebbene non risulti nociva per gli esseri umani può danneggiare le piante del tuo giardino.

Puoi mettere in pratica questi accorgimenti per scongiurare questa eventualità:

  • per evitare che si introducano in casa il primo suggerimento è quello di munire ogni accesso alla casa di una zanzariera e controllare la presenza di fessure o crepe che potrebbero rappresentare un luogo idoneo alla nascita di nidi di cimici;
  • tra i rimedi naturali per allontanare le cimici ve ne sono diversi: l’aglio funge da antiparassitario naturale poiché questi insetti non tollerano il suo odore, puoi collocarne qualche spicchio in alcuni punti strategici della casa; anche la menta col suo forte odore funge da ottimo repellente anti-cimici, in questo caso puoi usare l’olio essenziale di menta diluendone 10 gocce in mezzo litro di acqua e spruzzandolo nei pressi delle zone di accesso alla casa;
  • controlla le foglie delle piante e le uova che gli insetti potrebbero aver depositato. Hanno l’aspetto di piccoli agglomerati esagonali e si nascondono sotto le foglie, staccali manualmente senza rovinare le piante e prepara un infuso di tabacco contro le cimici. Fai bollire un litro di acqua e poi sbriciola dentro il tabacco di circa tre sigarette, lascia riposare il composto e quando si sarà raffreddato filtralo, metti il liquido in uno spruzzino aggiungi tre gocce di sapone per piatti e vaporizza sulle foglie;
  • anche le cimici verdi odiano alcuni tipi di odori, puoi quindi sfruttare questa caratteristica e arricchire il tuo giardino con piante anti-cimici, tra queste vi sono: la menta, l’aglio, la lavanda, il timo e l’erba gatta. Esistono però anche alcune piante che attirano le cimici, in particolare il basilico e il mais. Queste sono un richiamo irresistibile per questi insetti, meglio quindi preferire altre coltivazioni;
  • tra gli insetticidi naturali puoi fare certamente ricorso alla farina fossile che troverai in commercio nei negozi di giardinaggio. Spargila intorno alle piante, agli alberi, vicino agli ingressi di casa e ai presunti punti di ingresso delle cimici, questa sostanza, infatti, ha la capacità di rompere l’esoscheletro degli insetti e agisce in modo preventivo sulla loro proliferazione;
  • se hai utilizzato tutte le alternative e non ti rimane che rivolgerti agli insetticidi, scegli un insetticida sistemico contro le cimici che potrai diluire e spruzzare sulle piante. In commercio puoi trovare quelli da utilizzare in tutta sicurezza anche sulle piante da orto e sugli alberi da frutto e che si rivelano utili anche nella lotta ad altri parassiti come gli afidi; tuttavia, si tratta pur sempre di un agrofarmaco e quindi va usato responsabilmente.

Cimice asiatica e agricoltura

La cimice asiatica si è rivelata una vera calamità in occidente poiché rispetto alle cimici verdi ha una maggiore resistenza al freddo, si riproduce molto più velocemente ed è molto più vorace della sua cugina europea.

La Coldiretti ha lanciato l’allarme, presentando un dossier dove si mette in evidenza come l’agricoltura sia in allarme per la cimice asiatica. L’insetto killer dei raccolti arrivato dall’Asia ha già devastato i campi e i frutteti di 48mila aziende in Italia e il danno arrecato alle colture ammonta ad oltre 740 milioni di euro a livello nazionale.

La Coldiretti ritiene che considerata la gravità della situazione sia indispensabile aprire il confronto anche con le istituzioni europee coinvolgendo l’Ue sia per quanto riguarda gli aiuti alle imprese danneggiate che i controlli alle frontiere comunitarie, necessari per contrastare l’arrivo di altri insetti dannosi e l’import di frutta e ortaggi trattati con antiparassitari vietati in Italia.



Di Roberta Jerace


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube