Cronaca | Articoli

Farmaci anti-Covid: oscurati i siti di vendita online

22 Maggio 2020
Farmaci anti-Covid: oscurati i siti di vendita online

L’estensione dei controlli dei Nas sul web ha consentito di individuare siti che promuovevano medicinali non autorizzati o medicinali che vantavano proprietà in grado di curare o prevenire numerose patologie, tra cui il Coronavirus.

Oscurati 14 siti web collocati su server esteri e con riferimenti fittizi con tanto di pubblicità e offerta in vendita (anche in lingua italiana) di medicinali sottoposti a particolari restrizioni all’utilizzo clinico.

Il mercato internet è diventato un’importante fonte di approvvigionamento di articoli, tra i quali si possono trovare prodotti con claim accattivanti che riguardano la prevenzione e la cura di malattie polmonari e virali, con particolare riferimento al Covid-19.

I carabinieri della sezione Analisi del Reparto operativo e dei Nas di Torino e Udine hanno effettuato controlli online che hanno consentito l’individuazione di siti web utilizzati per promuovere e offrire in vendita medicinali non autorizzati o che vantavano proprietà anti-Covid.

Sono stati trovati medicinali a base di clorochina e di idrossiclorochina, antimalarici il cui impiego è stato temporaneamente autorizzato dall’Agenzia italiana del farmaco per il trattamento (e non la profilassi) dei pazienti con infezione da Sars-Cov-2. Come riporta una nota stampa dell’Adnkronos, possono essere dispensati esclusivamente a livello ospedaliero, a causa delle rigorose condizioni d’impiego ancora sottoposte a sperimentazioni e studi clinici.

Analogamente, è stata riscontrata l’offerta in vendita anche di farmaci contenenti lopinavir e ritonavir, nonché a base di darunavir e cobicistat, sostanze ad azione antivirale anch’esse impiegabili in procedure off label consentite solo in ambienti ospedalieri operanti in emergenza Covid-19. Presenti anche medicinali contenenti colchicina, sostanza utilizzata principalmente per la cura della gotta e per la quale è stato autorizzato uno studio sperimentale nel trattamento del Covid-19.

Scoperti anche l’antitumorale ruxolitinib, inserito dall’Aifa nel ‘programma di uso compassionevole’ per pazienti con diagnosi di Covid-19 e con patologie polmonari gravi/molto gravi, su approvazione del comitato etico dell’Istituto nazionale per le malattie infettive ‘Lazzaro Spallanzani’, e l’antibiotico azitromicina, su cui l’Aifa, nel fornire ai clinici elementi utili a orientare la prescrizione e a definire un rapporto fra i benefici e i rischi sul singolo paziente, ha recentemente evidenziato le possibili, pericolose interazioni con altri farmaci utilizzati contro la Sars-Cov-2.

Tra i prodotti presenti nelle ‘vetrine virtuali’ dei siti oscurati sono stati rilevati farmaci a base di umifenovir, un principio attivo antivirale per il quale l’Aifa ha già precisato l’assenza di autorizzazione e la mancanza di evidenze scientifiche sull’efficacia nel trattamento e nella prevenzione del Covid-19, e dell’antiparassitario ivermectina, presentato con presunti effetti positivi nel contrasto della malattia.

Il Nas precisa che bisogna “attenersi solo alle indicazioni fornite dagli organi ufficialmente preposti, in relazione alla crescente presenza di offerte sul web di farmaci non autorizzati o di dubbia provenienza”, è “opportuno ribadire che la vendita e l’acquisto di medicinali con obbligo di prescrizione attraverso internet non solo sono vietati dalla normativa italiana, ma sono soprattutto estremamente pericolosi per la salute – ricorda il Nas – non essendovi affatto contezza né della reale composizione degli stessi, né delle corrette modalità di produzione e conservazione, né degli effetti che la loro assunzione può cagionare”.

È “importante ricordare che l’offerta in vendita e la pubblicità dei medicinali senza obbligo di prescrizione (Sop/Otc) possono essere effettuati online solo attraverso i siti di farmacie ed esercizi autorizzati secondo quanto previsto dal decreto legislativo 24 aprile 2006 n. 219, il cui elenco è consultabile sul sito del ministero della Salute (www.salute.gov.it), riconoscibili attraverso il previsto ‘Logo identificativo nazionale’ che deve essere chiaramente visibile su ciascuna pagina dedicata del sito web”.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube