Cronaca | News

Le linee guida per centri estivi e spettacoli all’aperto

23 Maggio 2020 | Autore:
Le linee guida per centri estivi e spettacoli all’aperto

Il documento che le Regioni invieranno al Governo per integrare il Dpcm: limiti di pubblico e distanze da rispettare, regole severe per i giochi tra i bambini.

Le Regioni provano a disegnare uno scenario possibile per quest’estate in modo da non costringere i cittadini a dover rinunciare a tutto per colpa dell’emergenza coronavirus. I governatori hanno messo a punto delle linee guida contenenti alcune disposizioni su come ci si dovrà comportare, ad esempio, nei centri estivi che accoglieranno i nostri figli e durante gli spettacoli dal vivo all’aperto che non sono stati cancellati e che verranno confermati. Il documento arriverà sul tavolo del premier, Giuseppe Conte, affinché venga aggiornato il Dpcm attualmente in vigore.

Partiamo dal tempo libero, particolarmente amato durante l’estate. Cinema e spettacoli all’aperto dovranno osservare la distanza di sicurezza di almeno un metro tra gli spettatori, sia di fronte sia di lato, a meno che non siano dello stesso nucleo familiare. Se lo spettacolo si tiene all’aperto, non ci dovranno essere più di 1.000 persone (ovviamente, in una struttura che li possa ospitare garantendo le distanze tra gli spettatori). Se, invece, si tiene al chiuso, il limite di pubblico è fissato in 200 persone. Gli ingressi dovranno essere prenotati e tra l’artista ed il pubblico ci dovranno essere almeno due metri di distanza.

Per quanto riguarda i centri estivi, che apriranno per consentire ai genitori di non dover interrompere l’attività lavorativa, dovranno essere previste delle zone di accoglienza per gli accompagnatori, che non dovranno mai avere più di 60 anni. I bambini di oltre 6 anni dovranno obbligatoriamente usare la mascherina. I bimbi verranno suddivisi in gruppi, possibilmente per restare durante tutta la durata del centro estivo sempre con gli stessi compagni. I giochi dovranno essere disinfettati e destinati ad un singolo gruppo, a meno che non vengano disinfettati prima che altri bambini li utilizzino.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube