Diritto e Fisco | Articoli

Limiti di velocità motocicli

26 Maggio 2020
Limiti di velocità motocicli

Strade urbane, extraurbane e autostrade: i km/h da non superare quando si guida una motocicletta.

Hai comprato la motocicletta dei tuoi sogni e non vedi l’ora di guidarla? Hai intenzione di fare un lungo viaggio a bordo di una bella moto? Prima di metterti in sella e sfoggiare il tuo veicolo nuovo di zecca, occorre conoscere alcune regole importanti, come ad esempio i limiti di velocità per i motocicli nelle strade urbane, extraurbane e autostrade. Sicuramente, saprai che su vari tratti stradali sono disseminati autovelox e tutor che rivelano qualsiasi eccesso di velocità. Quindi, se non vuoi beccarti una bella multa salata, ti consiglio di prenderti cinque minuti di tempo per leggere bene questa breve guida. 

Cos’è un motociclo?

Il motociclo è un veicolo a due ruote – con un motore di cilindrata superiore a 50 centimetri cubici – destinato al trasporto di persone. Se il motociclo è dotato di una cilindrata da 125 cc in poi, per guidarlo è indispensabile possedere la patente A. Inoltre, i motocicli possono avere anche 5 o 6 marce o montare il cambio automatico.

Esempi di motocicli sono:

  • la Cruiser: adatte a lunghi tragitti;
  • la Naked: ideale soprattutto in strada;
  • la Enduro: nata come motocicletta fuoristrada;
  • la Cross: si adatta facilmente a strade sterrate e irregolari.

Motociclo e ciclomotore: qual è la differenza?

Spesso, si pensa erroneamente che il motociclo e il ciclomotore siano la stessa cosa; in realtà, si tratta di due motoveicoli diversi in quanto:

  • il ciclomotore ha una cilindrata massima di 50 centimetri cubici (il classico cinquantino, come ad esempio la vespa) e una velocità massima di 45 km/h. Puoi guidare il ciclomotore solo su strade urbane se hai la patente AM (il cosiddetto patentino) e hai compiuto 14 anni;
  • il motociclo rientra nella categoria dei motoveicoli e, come già spiegato, ha una cilindrata superiore ai 50 cc e una velocità massima autorizzata superiore ai 45 km/h. È possibile circolare a bordo dei motocicli su strade urbane ed extraurbane, mentre su autostrada è indispensabile avere una cilindrata di almeno 150 cc.

Per circolare su strada, sia il ciclomotore che il motociclo devono essere assicurati per la responsabilità civile, altrimenti si rischia il sequestro del veicolo.

Limiti di velocità motocicli

A questo punto, vediamo di capire quali sono, per i motocicli, i limiti di velocità da rispettare per non commettere infrazioni del codice della strada.

In particolare, i motocicli non devono superare i:

  • 50 km/h sulle strade urbane;
  • 90 km/h sulle strade extraurbane secondarie;
  • 110 km/h sulle strade extraurbane principali o 90 km/h in caso di pioggia, grandine, ecc.;
  • 130 km/h sulle autostrade. In caso di precipitazioni atmosferiche, non si possono superare i 110 km/h.

Come puoi notare, i limiti di velocità variano a seconda della tipologia di strada che si percorre. Le cose sono un po’ diverse per i neopatentati (cioè coloro che hanno conseguito la patente da meno di tre anni). Per questi ultimi, infatti, il limite di velocità è fissato a:

  • 100 km/h sulle autostrade;
  • 90 km/h nelle extraurbane principali.

Fino ad ora, abbiamo visto quali sono i limiti di velocità in Italia. Supponiamo, però, che tu abbia in programma di attraversare l’Europa a bordo della tua moto. In tal caso, devi sapere che i limiti cambiano da paese a paese. Come panoramica generale, devi sapere che:

  • sulle strade extraurbane (principali e secondarie): il limite è fissato a 80 km/h in Francia, 90 km/h in Spagna, Belgio (tranne nelle Fiandre dove il limite è 70 km/h), Bulgaria, Croazia, Danimarca, Finlandia, Grecia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria e 100 km/h in Austria, Germania e Svizzera;
  • sulle autostrade: si può viaggiare a 120 km/h in Spagna, Belgio, Lussemburgo, Irlanda, Portogallo e Svizzera, a 130 km/h in Francia, Danimarca, Croazia, Grecia, Olanda e Romania e a 140 km/h in Polonia.

Limiti di velocità motocicli: sanzioni

Superare i limiti di velocità è una violazione frequente e pericolosa, sia per sé che per gli altri.

Il codice della strada prevede la multa:

  • da 42 a 173 euro se si supera il limite fino a 10 km/h;
  • da 173 a 695 euro se il limite viene ecceduto di oltre 10 km/h (ma non oltre i 40 km/h). In tal caso, vengono decurtati tre punti dalla patente;
  • da 544 a 2.174 euro se la velocità supera il limite da 40 a 60 km/h. Inoltre, i punti decurtati salgono a sei ed è prevista la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi;
  • da 847 a 3.389 euro se l’eccesso di velocità supera il limite di oltre 60 km/h. Ebbene, in tal caso, il motociclista rischia la sospensione della stessa da sei a dodici mesi e perde dieci punti dalla patente di guida.

Attenzione: la legge prevede un aumento delle sanzioni di un terzo se la violazione è commessa tra le ore 22 e le ore 7.

Limiti di velocità motocicli: la fascia di tolleranza

Tieni presente che la legge prevede una fascia di tolleranza anche per i motocicli. In pratica, se superi il limite di velocità previsto dal codice della strada, ti viene applicata una riduzione del 5% (con un minimo di 5 km/h). In base al risultato ottenuto, si controlla se sussiste l’eccesso di velocitàTi faccio due esempi per farti capire meglio questo concetto.

Tizio sta percorrendo una strada, a bordo della sua motocicletta, a 135 km/h. Tuttavia, il limite di velocità previsto per quel tratto è di 130 km/h.

Caio decide di provare la sua moto nuova su un tratto di strada il cui limite è fissato a 110 km/h. Nonostante rischi di prendere una multa, Caio decide comunque di spingere la moto fino a 160 km/h. 

Ebbene, nel primo esempio, Tizio non ha superato il limite di velocità (grazie alla nota tolleranza) e, pertanto, non deve essere sanzionato; nel secondo esempio, invece, Caio ha percorso la strada a 160 km/h, quindi deve essere multato (oltre a subire la decurtazione dei punti e la sospensione della patente di guida). 

Infine, va precisato che tutte le multe per eccesso di velocità rilevato tramite autovelox hanno già applicato a monte la fascia di tolleranza. Puoi, infatti, trovare il calcolo nel verbale di contestazione che ricevi direttamente a casa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube