Diritto e Fisco | Articoli

Incidente stradale con patente scaduta: spetta il risarcimento?

27 Maggio 2020
Incidente stradale con patente scaduta: spetta il risarcimento?

Incidente senza patente ma con ragione o con patente da rinnovare: cosa succede in questi casi se il conducente non ha colpa?

Immagina di fare un incidente stradale senza patente o con la patente scaduta ma di avere ragione. Pensa, ad esempio, di essere uscito di casa dimenticando in un cassetto la patente di guida o magari di accorgerti solo all’ultimo che la stessa andava rinnovata da qualche settimana. Senonché, sul più bello, un’altra auto ti viene addosso oppure, a causa di una buca stradale, sterzi improvvisamente e vai a sbattere contro un muro. Chi ti paga in questi casi? Ti spetta il risarcimento per l’incidente stradale con la patente scaduta o con la stessa lasciata a casa? 

La risposta è stata data proprio di recente dalla Cassazione [1]. Vediamo dunque cosa succede in questi casi.

Patente scaduta o dimenticata a casa e incidente stradale

Circolare senza patente o con la patente scaduta è una violazione del Codice della strada che, come tutti sanno, comporta una sanzione di carattere amministrativo. In particolare, le multe sono le seguenti:

  • guida senza patente (patente conseguita ma dimenticata a casa): multa di 42 euro che, se pagata nei primi 5 giorni, prevede uno sconto del 30%. Con il verbale, il conducente viene invitato a presentarsi in caserma, di norma nei 30 giorni successivi, per esibire la patente. Se non lo fa, subisce una seconda sanzione amministrativa che va da 431 euro a 1.734 euro. Maggiori dettagli nell’articolo Cosa rischio se guido senza patente?;
  • guida con patente scaduta: multa da 160 euro a 644 euro con ritiro della patente scaduta che viene trattenuta presso il comando di polizia municipale. A partire da quel momento, l’automobilista avrà 10 giorni di tempo per effettuare la visita medica obbligatoria, dopodiché, con il certificato medico, potrà andare dai vigili urbani per riavere indietro la patente che gli era stata ritirata. Maggiori dettagli nell’articolo Cosa rischio se guido con la patente scaduta?

In entrambi i casi, quindi, si parla di sanzioni amministrative che tuttavia, per come vedremo a breve, non hanno alcuna incidenza sul risarcimento del danno da incidente stradale. Risarcimento che può essere escluso solo se la violazione commessa dal conducente abbia influito sul danno, causandolo, concorrendo allo stesso o aggravandolo. Invece, la mancata presenza del titolo di guida in auto o la sua scadenza non ha alcun rilievo ai fini della responsabilità dell’incidente. 

Proprio di ciò si è occupata la Cassazione. Ecco quali sono stati i chiarimenti offerti dalla Corte.

Incidente stradale con patente scaduta o senza patente: cosa succede?

Per stabilire se, in presenza di un incidente stradale, il conducente abbia diritto o meno al risarcimento, bisogna verificare, più che la formale violazione delle norme del Codice della strada, la condotta da questi tenuta e quindi l’eventuale imprudenza dimostrata alla guida. Solo laddove dovesse risultare una condotta non consona alle condizioni della strada si potrebbe escludere o limitare il risarcimento. Ma laddove la violazione del Codice della strada attenga ad altre questioni, che nulla hanno a che vedere con il comportamento diligente tenuto dall’automobilista prima dello scontro, allora è possibile rivendicare il risarcimento.

Tant’è vero che, in passato, la Cassazione ha ritenuto sussistente il diritto al risarcimento per il motociclista che circolava senza casco qualora risulti che, anche con la protezione in testa, questi si sarebbe fatto ugualmente male (si pensi a una ferita a un braccio). 

Dunque, l’assenza della patente o la mancanza di rinnovo della stessa al momento del sinistro non costituisce fatto idoneo ad interrompere la responsabilità dell’altro conducente colpevole per lo scontro o magari del Comune per aver lasciato sull’asfalto una buca, una macchia d’olio o un ramo secco. 

Solo qualora dovesse risultare che l’incidente sia da addebitare ad un errore di guida del conducente sarebbe possibile negare l’indennizzo. 

L’assenza della patente o la mancanza di rinnovo della patente al momento dell’incidente implica solo una responsabilità amministrativa per come illustrata sopra. Tale comportamento non incide sulla responsabilità per eventuali sinistri. L’assicurazione quindi non potrà evitare di versare i soldi al titolare della polizza rc-auto.


note

[1] Cass. sent. n. 9674/20 del 26.05.2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube