Diritto e Fisco | Articoli

È vietato il sorpasso alla polizia?

17 Agosto 2020 | Autore:
È vietato il sorpasso alla polizia?

Regole sulla circolazione e il controllo stradale. Comportamenti da tenere nei confronti degli agenti in servizio. Limiti alla libertà del conducente.

Spesso sulla strada ti capita di accodarti a una o più volanti delle forze dell’ordine. È passato qualche anno da quando hai preso la patente e non ricordi se è vietato il sorpasso alla polizia. Quindi, anche se spesso hai fretta, eviti di incorrere in sanzioni e di infrangere eventuali norme di legge.

Vorresti però saperne di più. Ti interessa conoscere quali sono i poteri delle forze dell’ordine e quali sono i comportamenti che tu devi tenere sulla strada nei loro confronti.

Interroghiamoci insieme sulla questione e individuiamo le norme presenti in materia. In particolare, dobbiamo verificare quali sono le condotte da tenere nel caso in cui la polizia stia intervenendo in una situazione di emergenza.

Quali sono le funzioni della polizia?

Nel nostro ordinamento giuridico con l’espressione “polizia” si intende il complesso delle forze dell’ordine presenti in Italia.

Quindi, il tuo quesito sulla possibilità o meno di sorpassare le volanti presenti sulla strada deve estendersi non soltanto alla Polizia di Stato, ma anche alla Guardia di Finanza, ai Carabinieri, alla Polizia Municipale, all’Esercito, alla Polizia Penitenziaria. In sostanza, devi fare attenzione a qualsiasi veicolo della forza pubblica che può entrare in conflitto con la tua condotta quando realizzi un’infrazione del Codice della Strada.

Ciò premesso, per rispondere ai tuoi dubbi è necessario distinguere le funzioni dei corpi armati in relazione ai diversi contesti in cui essi operano e alla presenza o meno di situazioni di urgenza.

In linea di massima, i compiti delle forze di polizia si riassumono in tre categorie:

  • sicurezza: l’operato di agenti e graduati si rivolge alla prevenzione dei reati. In questo ambito si colloca anche l’attività di controllo sulla regolarità della circolazione stradale (pensa, ad esempio, ai tradizionali posti di blocco);
  • repressione dei crimini: in tale settore rientrano tutte le tipologie di intervento finalizzate a contrastare un reato che si è già consumato (pensa, ad esempio, all’arresto per una rapina in banca);
  • attività amministrativa: consiste in un complesso di operazioni rivolte alla verifica del rispetto della legge in materia tributaria, fiscale, ambientale, commerciale (pensa, da questo punto di vista, ai controlli della guardia di finanza all’interno dei negozi).

Attraverso questa ripartizione delle funzioni è possibile monitorare tutto il territorio nazionale e garantire allo Stato e ai cittadini il rispetto delle regole a beneficio dell’intera collettività. Inoltre, considera che in caso di errori di valutazione delle forze dell’ordine (ipotesi assolutamente possibile), il nostro sistema giuridico predispone una serie di rimedi (ricorso in autotutela, opposizione, citazione in Tribunale) contro sanzioni ingiuste.

Quali sono i poteri delle forze di polizia sulla strada e sulla circolazione?

La polizia, per svolgere tutte le funzioni che le sono proprie, è dotata di appositi veicoli che, a seconda dei casi, prendono il nome di volanti, gazzelle e simili. Essi consentono agli agenti di spostarsi su tutto il territorio di propria competenza, di fare i controlli necessari a garantire la sicurezza della popolazione, di intervenire tempestivamente in caso di emergenza. Per tal motivo non è difficile imbattersi in un veicolo delle forze dell’ordine fermo o in circolazione su una strada urbana o extraurbana.

Inoltre, per assolvere alle esigenze di sicurezza della comunità locale le forze di polizia hanno delle precise funzioni di vigilanza sulla circolazione di automobili, motocicli e pedoni.

Secondo quanto stabilisce il Codice della Strada, infatti, l’espletamento dei servizi di polizia stradale spetta:

  • in via principale alla specialità Polizia Stradale della Polizia di Stato;
  • alla Polizia di Stato;
  • all’Arma dei carabinieri;
  • al Corpo della guardia di finanza;
  • ai Corpi e ai servizi di polizia provinciale e di polizia municipale, nell’ambito del territorio di competenza;
  • ai funzionari del Ministero dell’interno addetti al servizio di polizia stradale;
  • al Corpo di polizia penitenziaria e al Corpo forestale dello Stato, in relazione alle loro competenze.

Tutti questi soggetti, che devono essere dotati di apposita divisa e devono essere riconoscibili alla popolazione, sono legittimati a svolgere i seguenti servizi:

  • la prevenzione e l’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale;
  • la rilevazione degli incidenti stradali;
  • la predisposizione e l’esecuzione dei servizi diretti a regolare il traffico;
  • la scorta per la sicurezza della circolazione;
  • la tutela e il controllo sull’uso della strada.

Ne deriva una conseguenza evidente. Se uno di questi corpi ti coglie sul fatto mentre commetti un’infrazione, anche se sta realizzando un controllo diverso, è legittimato a fermarti, a identificarti e ad adottare le sanzioni adeguate al tuo comportamento.

Facciamo un esempio.

Vai di fretta perché sei in estremo ritardo per arrivare a lavoro. Sulla strada c’è un posto di controllo dei Carabinieri, i quali stanno verificando i documenti di un altro conducente. Non ti fermano e tu acceleri per recuperare tempo. Superi di molto il limite di velocità consentito. Gli agenti lasciano libero il conducente che avevano fermato, salgono sulla gazzella, ti ammoniscono di fermarti e ti fanno una multa molto costosa.

Questo è un tipico esempio di quello che avviene quotidianamente sulle strade. Bada bene che puoi incorrere anche tu in una tale situazione se non rispetti le regole.

È possibile superare la polizia?

Un caso molto specifico relativo alla condotta da tenere riguarda la possibilità di sorpassare un veicolo della polizia.

In tale ipotesi, il primo punto di riferimento sono le norme contenute nel Codice della Strada. Secondo la definizione di legge, il sorpasso è la manovra con la quale un veicolo supera un altro mezzo di trasporto, un animale o un pedone in movimento o fermi sulla corsia o sulla parte della carreggiata destinata alla circolazione.

Il conducente che intende sorpassare deve preventivamente accertarsi:

  1. che la visibilità sia tale da consentire la manovra e che la stessa possa compiersi senza costituire pericolo o intralcio;
  2. che il conducente che lo precede nella stessa corsia non abbia segnalato di voler compiere analoga manovra;
  3. che nessun conducente che segue sulla stessa carreggiata o sulla corsia alla propria sinistra abbia iniziato il sorpasso;
  4. che la strada sia libera per uno spazio tale da consentire la completa esecuzione del sorpasso. A tal fine occorre tenere conto: della differenza tra la propria velocità e quella dell’utente da sorpassare; della presenza di utenti che sopraggiungono dalla direzione contraria; della presenza di utenti che precedono l’utente da sorpassare.

Poste tali regole generali, occorre operare una distinzione specifica con riferimento alle forze dell’ordine. Come abbiamo accennato, esse possono lavorare in condizioni normali oppure intervenire in caso di emergenza.

Nell’una e nell’altra ipotesi si applicano delle regole di condotta differenti:

  • veicoli della polizia che transitano regolarmente sulla strada: se le forze dell’ordine circolano come tutti gli altri veicoli si applicano le norme ordinarie del Codice della Strada. Il sorpasso è, dunque, consentito nelle forme e con i limiti previsti dalla legge;
  • veicoli della polizia in situazione di emergenza: in tale ipotesi, gli agenti stanno intervenendo per prestare soccorso oppure per far fronte a una situazione di pericolo. Tale circostanza è comunicata agli altri automobilisti dall’adozione di segnalazioni acustiche e visive (le sirene spiegate). Il sorpasso di un veicolo della polizia in queste condizioni è altamente pericoloso sia per la sicurezza dei conducenti sia per le limitazioni all’attività posta in essere dagli agenti. Per tal motivo si tratta di una condotta assolutamente vietata.

Quando ti capita di trovarti di fronte una volante della polizia valuta allora la condizione in cui essa opera e regola il tuo comportamento al caso concreto.

Vi è una seconda ipotesi in cui è vietato il sorpasso alla polizia: quella in cui ciò sia indicato da un’apposita segnaletica stradale.



1 Commento

  1. Sicurezze un automobilista con la testa apposto non cerca di sorpassare un pattuglia in emergenza , ma neanche si sogna di sorpassare una autoambulanza in emergenza , qualsiasi auto in emergenza gli si da spazio e anche fermarsi per farla passare

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube