Diritto e Fisco | Articoli

Papa Francesco difende il matrimonio da separazioni e divorzi

26 ottobre 2013


Papa Francesco difende il matrimonio da separazioni e divorzi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 ottobre 2013



Il Papa: avviciniamoci a famiglie in crisi e separati; la diminuzione delle cause è solo per la crisi economica.

La famiglia è una “comunità” non una “somma delle persone che la costituiscono”, è “il centro naturale della vita umana” e per questo “chiede di essere riconosciuta come tale, tanto più oggi, quando prevale la tutela dei diritti individuali”. “Proponiamo a tutti, con rispetto e coraggio, la bellezza del matrimonio e della famiglia” e “avviciniamoci con attenzione e affetto alle famiglie in difficoltà”, a partire dai “coniugi in crisi e a quelli ormai separati. A tutte vogliamo stare vicino”. Lo ha affermato papa Francesco ricevendo ieri i partecipanti alla plenaria del pontificio consiglio per la Famiglia, il dicastero che si occupa della pastorale su un tema che Bergoglio ha già indicato come tra i prioritari del suo pontificato.

Sempre più matrimoni, ogni anno, finiscono in tribunale. Circa 86mila ogni anno, secondo gli ultimi dati Istat sulle separazioni. A cui si aggiungono i 55mila divorzi che concludono un doppio passaggio giudiziario pieno di spese e spesso di ulteriori litigi. E le parole d’ordine del crack della famiglia sono sempre le stesse: affidamento ed educazione dei figli, abitazione, assegno di mantenimento, divisione dei beni.

Ma è anche vero che, nell’Italia della crisi economica ci si separa (e si divorzia) meno. Non perché ci si ama di più. Piuttosto per necessità. Lasciarsi costa, soprattutto quando non si è d’accordo su (quasi) nulla, non solo sulla fine dell’amore, ma anche sui rispettivi obblighi e sui doveri verso i figli. Rivolgersi al giudice per riconquistare libertà e serenità è un lusso che non sempre ci si può permettere quando si riesce appena ad arrivare a fine mese. E così si resta insieme. I Tribunali respirano, assai meno marito e moglie. E i figli. Costretti tutti sotto lo stesso tetto, a respirare conflittualità, aggressività, se non vera e propria violenza.

La diminuzione di separazioni e divorzi, quindi, non va letta come il trionfo della famiglia.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI