Diritto e Fisco | Articoli

Il risarcimento di un danno è tassabile?

6 Giugno 2020
Il risarcimento di un danno è tassabile?

Ho incassato da un’assicurazione una somma a titolo di risarcimento per i danni subiti dalla mia auto a causa di un sinistro.

Questa somma sarà tassata?

La legge, cioè l’articolo 6, comma 2, del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (decreto del presidente della Repubblica n. 917 del 1986), stabilisce che sono soggette a tassazione  solo quelle somme percepite a titolo di risarcimento che abbiano la funzione di integrare o sostituire un mancato guadagno.

In altre parole, una somma percepita da una persona fisica a titolo di risarcimento del danno va tassata (e quindi deve essere dichiarata) soltanto se serve ad indennizzare un mancato guadagno.

Il risarcimento infatti ha lo scopo di indennizzare:

  • il danno patrimoniale che si compone di due voci: il danno emergente (cioè le spese vive effettivamente sostenute a causa dell’evento e che non sarebbero state sostenute se non ci fosse stato il danno come sono, nel suo caso, le spese necessarie per riparare l’auto) ed il lucro cessante (cioè il presunto guadagno che è stato perso a causa dell’evento che ha causato il danno: nel suo caso, ad esempio, se a causa dei danni all’auto lei avesse subito danni fisici che le avessero impedito di lavorare, lei avrebbe subito un danno patrimoniale da lucro cessante)
  • e il danno non patrimoniale che è costituito dai danni fisici subiti a causa dell’evento dannoso (periodo di inabilità e/o di invalidità permanenti più o meno gravi), dai danni morali conseguenti al fatto (sofferenze, traumi psichici ecc.) e dai danni esistenziali (come possono essere le perdite di opportunità di lavoro ecc.)

Ebbene, per la legge italiana, come le dicevo, è tassabile solo il risarcimento del lucro cessante cioè quel risarcimento che indennizza una persona fisica dei mancati guadagni (con esclusione di quelli dipendenti da invalidità permanente o da morte) dovuti all’evento che ha causato il danno.

In tutti gli altri casi, la somma incassata da una persona fisica a titolo di risarcimento non è tassabile e, quindi, non va dichiarata.

Nel suo caso, sulla base di quanto riportato nel quesito, la somma incassata a titolo di risarcimento è servita ad indennizzala soltanto delle spese vive necessarie a riparare l’auto lesionata e, pertanto, non costituisce reddito tassabile.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube