Cronaca | News

La Grecia apre agli italiani ma con condizioni

31 Maggio 2020
La Grecia apre agli italiani ma con condizioni

Chi proviene da Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna dovrà sottoporsi a test all’arrivo e, anche se il risultato sarà negativo, mettersi in auto-quarantena per 7 giorni.

Retromarcia della Grecia sulla chiusura ai turisti italiani: ora il governo di Atene ci ha ripensato e ha deciso di aprire le frontiere ai visitatori che provengono dal nostro Paese. Ma per almeno un mese ci saranno delle rigide condizioni da rispettare e il percorso per entrare sarà suddiviso in base a precise scansioni temporali.

Fino al 15 giugno, si potrà arrivare con l’aereo solo all’aeroporto di Atene. A tutti i passeggeri sarà effettuato un test al momento dello sbarco e dovranno trascorrere la notte in un albergo designato dalle autorità greche. Se il risultato del test sarà negativo, il passeggero dovrà comunque mettersi in auto- quarantena per 7 giorni. Se invece il test sarà positivo, il passeggero sarà posto in quarantena sotto controllo per 14 giorni.

Dal 15 giugno al 30 giugno le restrizioni si allenteranno leggermente e i voli internazionali saranno ammessi non solo nell’aeroporto di Atene ma anche in quello di Salonicco. All’arrivo si distingueranno i passeggeri in base alla provenienza: “se il viaggio è stato effettuato da un aeroporto non presente nell’elenco delle aree colpite di EASA (European Union Aviation Safety Agency), i passeggeri sono soggetti a test casuali solo all’arrivo”, spiega una nota dell’ambasciata greca in Italia, diffusa dall’Adnkronos.

Invece, prosegue la nota, “se il viaggio è stato effettuato da uno degli aeroporti dell’elenco delle aree colpite di EASA, i passeggeri verranno sottoposti a test all’arrivo”. Ci sono quattro Regioni italiane in questa “lista nera”: si tratta di Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna.

In questo caso ci sarà il soggiorno obbligatorio per la prima notte in un albergo designato, poi se il risultato del test sarà negativo, ci sarà l’auto-quarantena per 7 giorni, mentre se risulterà positivo si applicherà la quarantena sotto controllo per 14 giorni. Domani il nostro ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, telefonerà al suo omologo greco, Nikos Densias, per discutere di queste restrizioni e il 9 giugno si recherà personalmente in Grecia per affrontare il tema dei flussi turistici.

La fase 3 si apre il 1° luglio. Da quella data, “i voli internazionali sono ammessi in tutti gli aeroporti di Grecia. I visitatori sono soggetti a test casuali all’arrivo”, spiega l’ambasciata. Anche gli arrivi via mare saranno consentiti a partire dal 1° luglio e chi sbarca sarà sottoposto a test casuali all’arrivo, come per i passeggeri dei voli aerei.

Ma non sono ancora regole definitive, perché “la Grecia in qualsiasi momento si riserva il diritto di modificare qualunque previsione sopra citata alla luce delle mutate circostanze”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube