Superbonus 110% o bonus ristrutturazioni: quando spettano

1 Giugno 2020 | Autore:
Superbonus 110% o bonus ristrutturazioni: quando spettano

La differenza, a seconda dei lavori, tra le detrazioni da usufruire: dal miglioramento energetico alla tinteggiatura della facciata.

Le ultime misure contenute nel decreto Rilancio a sostegno sia del settore edilizio sia del contribuente che ha bisogno di realizzare dei lavori in casa hanno aggiunto ulteriori agevolazioni ma anche creato una selva di bonus ristrutturazioni che ha portato ad un’involontaria quanto inevitabile confusione. Non è facile capire, infatti, a quale percentuale di detrazione dà diritto un determinato intervento, sempre che, appunto, se ne abbia diritto.

A complicare ancora di più le cose, l’introduzione del superbonus del 110% che, praticamente, consente a certe condizioni di effettuare dei lavori gratis. Tutti lo vorrebbero, ma non tutti hanno la possibilità di usufruire di questo maxi-sconto e devono «accontentarsi» di percentuali di detrazione più basse.

Ricordiamo, innanzitutto, quali sono le condizioni per poter beneficiare del superbonus del 110%, visto che è l’ultimo arrivato ed il più ricercato. L’agevolazione, voluta nel decreto Rilancio per dare la possibilità di ristrutturare casa gratis, è valida per le spese sostenute tra il 1° luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021, da recuperare in 5 anni, da trasformare in uno sconto in fattura o da cedere a terzi (banche, fornitori, assicurazioni).

L’agevolazione si applica quando viene effettuato uno dei tre interventi principali previsti, ovvero: cappotti termici, nuovi impianti di riscaldamento ad alta efficienza energetica e sisma bonus. Il superbonus interviene anche su altri lavori collegati a questi tre, cioè acquisto e installazione di pannelli fotovoltaici, colonnine di ricarica per veicoli elettrici, ecc.

È necessario, inoltre, migliorare l’edificio di due classi energetiche, cosa che avviene normalmente con la realizzazione del cappotto insieme alla sostituzione della caldaia. Nel caso in cui non fosse possibile compiere questo doppio salto di qualità, ne basterebbe quello più alto.

Il superbonus è valido nei condomini ma anche nelle case monofamiliari, a condizione che siano abitazioni principali.

Per avviare la procedura che porta al superbonus del 110% è necessario partire da una diagnosi energetica dell’edificio. Qui si apre una doppia possibilità. La prima, quella di rivolgersi ad una società di servizi energetici (una Esco) oppure ad una società fornitrice di energia (una utility). Entrambe saranno in grado di effettuare quella diagnosi e di proporre gli interventi più indicati. Acquisteranno il credito d’imposta o troveranno chi lo acquisti. Alcune di queste società offrono questo servizio gratuito.

L’altra possibilità è quella di farsi fare una diagnosi e un capitolato da uno o più consulenti indipendenti per poi raccogliere dei preventivi.

Il tutto, comunque, è vincolato ai chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, che devono ancora essere forniti dopo che il decreto Rilancio verrà definitivamente convertito in legge (data ultima, il 18 luglio).

Vediamo ora, però, quali sono le detrazioni che spettano a seconda dei lavori effettuati, cioè quando interviene il superbonus del 110% e quando ci sono dei benefici più contenuti.

Cappotto termico in condominio

Cos’è

Coibentazione di strutture opache dell’edificio.

Com’era il bonus

L’intervento prevedeva l’ecobonus del:

  • 65% su una spesa massima di 92.307 euro per unità;
  • 70% se l’intervento interessa più del 25% della superficie disperdente dell’edificio;
  • 75% con i requisiti dell’ex Dm 26 giugno 2015.

Negli ultimi due casi, il limite di spesa era di 40mila euro.

Com’è con il Dl Rilancio

Superbonus del 110%, con recupero in 5 anni, su una spesa di 60mila euro per unità effettuata dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, se è interessato più del 25% della superficie disperdente e c’è salto di classe energetica.

Possibile cessione o sconto in fattura.

Isolamento del tetto

Cos’è

Rifacimento del tetto di una casa singola con coibentazione.

Com’era il bonus

Bonus ristrutturazioni del 50% su una spesa di 96mila euro, oppure ecobonus del 65% su una spesa di 92.307 euro, se si raggiungono i requisiti di rendimento.

Com’è con il Dl Rilancio

Per ottenere il superbonus del 110%, i lavori di isolamento devono incidere su oltre il 25% di superficie disperdente lorda, quindi risulta complicato ottenerlo con questo tipo di intervento. La novità consiste nella possibilità di cedere il credito o avere lo sconto in fattura per le spese sostenute nel 2020 e 2021.

Impianto termico centralizzato

Cos’è

Sostituzione dell’impianto di riscaldamento condominiale.

Com’era il bonus

Detrazione del 50% edilizio per il cambio della caldaia senza requisiti particolari. o ecobonus (al 50% per caldaia in condensazione classe A o 65% se ha anche sistema di termoregolazione evoluto).

Com’è con il Dl Rilancio

Superbonus del 110% per la sostituzione con impianti centralizzati a condensazione evoluti o a pompa di calore sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Tetto di spesa fissato a 30mila euro per unità immobiliare. Recupero in 5 anni. Possibile cessione del credito d’imposta o sconto in fattura.

Nuova caldaia in abitazione singola

Cos’è

Sostituzione dell’impianto di riscaldamento in unità abitative singole.

Com’era il bonus

Ecobonus del 50% con tetto di spesa fissato un 60mila euro, o del 65% con soglia massima di 46.153 euro, per sostituire impianti di climatizzazione invernale con altri con caldaia a condensazione. L’agevolazione varia a seconda della tecnologia utilizzata.

Ecobonus al 65% anche per pompe di calore ad alta efficienza. Tetto massimo di spesa: 46.153 euro.

Com’è con il Dl Rilancio

Superbonus del 110% sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per la sostituzione con impianti a pompa di calore. Tetto di spesa: 30mila euro. Recupero in 5 anni. Possibile cessione del credito d’imposta o sconto in fattura.

Interventi antisismici sulle parti comuni

Cos’è

Messa in sicurezza antisismica di un condominio.

Com’era il bonus

Bonus 50% standard su una spesa fino a 96mila euro per unità immobiliare. Il bonus aumenta nelle zone sismiche 1, 2 e 3:

  • al 65% se si riduce una classe di rischio sismico;
  • all’85% se si riducono due classi di rischio.

Com’è con il Dl Rilancio 

Superbonus del 110% sulle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Resta esclusa la zona sismica 4, ma viene eliminato l’obbligo di dimostrare il salto di classe di rischio dell’edificio. Possibile cessione del credito d’imposta o sconto in fattura.

Recupero edilizio di villetta o casa isolata

Cos’è

Ristrutturazione di un’abitazione monofamiliare.

Com’era il bonus

Bonus edilizio standard del 50% o sismabonus del 70% o dell’80% su un tetto di spesa di 96mila euro, oppure ecobonus del 65% con spesa massima in base al tipo di lavori.

Com’è con il Dl Rilancio

Le percentuali di detrazione restano invariate. Possibilità di cedere il credito di imposta o di sconto in fattura. Per alcuni tipi di lavori dal 1° luglio 2020 c’è il superbonus del 110% solo per l’abitazione principale o sismabonus potenziato al 110% con recupero in 5 anni, sconto o cessione del credito d’imposta.

Restauro o tinteggiatura della facciata

Cos’è

Tinteggiatura o restauro della parte della facciata visibile dalla strada.

Com’era il bonus

Bonus facciate del 90% per le spese sostenute entro il 2020, su tutti gli edifici in zona urbanistica A o B.

Com’è con il Dl Rilancio 

Il bonus facciate resta invariato, ma è possibile la cessione del credito d’imposta o lo sconto in fattura. Se però viene realizzato un cappotto termico incentivato al 110%, anche la tinteggiatura sconta quel bonus, con recupero in 5 anni ed un tetto di spesa di 60mila euro per unità. Il 110% non ha limiti di zona urbanistica, ma sono esclusi gli edifici unifamiliari destinati a seconde case.

Ascensore o altri lavori in condominio

Cos’è

Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Com’era il bonus

Bonus del 50% per lavori come l’installazione e manutenzione di ascensori e altri impianti, l’eliminazione di barriere architettoniche, la cablatura, la sicurezza dell’edificio, ecc. Tetto di spesa fissato in 96mila euro moltiplicato per ogni unità.

Com’è con il Dl Rilancio

Nessuna variazione sulle percentuali e sulle altre condizioni per accedere alla detrazione. Per le spese sostenute nel 2020 e 2021 è possibile cedere il credito di imposta o ottenere lo sconto in fattura.

Impianto fotovoltaico con accumulo

Cos’è

Installazione di impianti fotovoltaici con accumulatore.

Com’era il bonus

Bonus 50% con tetto di spesa a 96mila euro.

Com’è con il Dl Rilancio

Superbonus del 110% dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, se l’intervento è eseguito insieme a quelli del superbonus o sismabonus. Tetto di spesa fissato a 48mila euro e comunque:

  • di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto;
  • di 1.000 euro per ogni kW di capacità di accumulo, per accumulatori integrati.

Possibilità di cessione del credito d’imposta o di sconto in fattura.

Cambio dei serramenti

Cos’è

Sostituzione di finestre comprensive di infissi.

Com’era il bonus

Bonus del 50% edilizio se c’è modifica di materiale, forma e/o colore, con tetto di spesa fissato a 96mila euro per ristrutturazioni.

Ecobonus al 50% in singole unità con tetto di spesa di 120mila euro e del 65% su parti comuni, con la soglia massima fissata a 92.307 euro per unità, con requisiti di isolamento.

Com’è con il Dl Rilancio

Possibile cessione del credito d’imposta o sconto in fattura. Superbonus del 110% se l’intervento viene realizzato insieme a uno di quelli principali per risparmio energetico.

Lavori di ristrutturazione in abitazione singola

Cos’è

Spostamento di una parete o altri lavori edili straordinari interni a un alloggio o una casa monofamiliare.

Com’era il bonus

Detrazione del 50% per ristrutturazione edilizia, con tetto di spesa fissato in 96mila euro. La percentuale è valida fino al 2020 e dovrebbe tornare al 36% per il 2021.

Com’è con il Dl Rilancio

Non cambia nulla tranne la possibilità di cedere il credito d’imposta o di ottenere lo sconto in fattura.

Nuovo condizionatore

Cos’è

Installazione di un nuovo condizionatore in casa.

Com’era il bonus

Bonus edilizio del 50%, con tetto massimo di spesa di 96mila euro per unità immobiliare per condizionatori a pompa di calore. Oppure bonus mobili del 50%, con la soglia massima a 10mila euro in quanto elettrodomestico almeno in classe energetica A+ destinato a una casa ristrutturata.

Com’è con il Dl Rilancio 

Possibilità di cessione del credito di imposta o si sconto in fattura per la detrazione del 50% e per le spese sostenute nel 2020 e 2021.

Bonus mobili

Cos’è

Nuovi mobili per il salotto, la cucina o altre stanze di un’abitazione.

Com’era il bonus

Detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l’acquisto di mobili nuovi ed elettrodomestici in classe A+ (classe A per i forni e lavasciuga) destinati ad arredare una casa ristrutturata con bonus edilizio al 50%.

Com’è con il Dl Rilancio 

Non cambia nulla.

Bonus giardini

Cos’è

Trasformazione del cortile in giardino, rifacimento del giardino o installazione di fioriere fisse su una terrazza.

Com’era il bonus

Detrazione Irpef del 36% fino a una spesa di 5mila euro per unità immobiliare abitativa, da recuperare in 10 anni.

Com’è con il Dl Rilancio

Non cambia nulla.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Se in un condominio,alcuni hanno fatto delle modifiche all’interno delle abitazioni,senza autorizzazioni o comunicazioni al Comune tramite scia,modificando anche i metri quadri dell’appartamento,e quindi non risultano uguali a quelli accatastati,può il Condominio usufruire dei vantaggi del superbonus,110%,o può usufruire di altre agevolazioni?

    1. Puoi trovare ulteriori approfondimenti nei nostri articoli:
      -Superbonus 110%: tutte le novità sugli aventi diritto https://www.laleggepertutti.it/422320_superbonus-110-tutte-le-novita-sugli-aventi-diritto
      -Superbonus: ultimi chiarimenti sulla cessione del credito https://www.laleggepertutti.it/422932_superbonus-ultimi-chiarimenti-sulla-cessione-del-credito
      -Maggioranza in assemblea condominio per il bonus 110% https://www.laleggepertutti.it/419534_maggioranza-in-assemblea-condominio-per-il-bonus-110

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube