Diritto e Fisco | Articoli

Dove si può giurare una perizia?

19 Agosto 2020 | Autore:
Dove si può giurare una perizia?

Perizia giurata: cos’è, a cosa serve e come si fa? In cosa consiste il giuramento sulla perizia? Perizia giurata falsa: è reato? Modulo giuramento perizia.

Le perizie redatte da esperti professionisti possono essere fondamentali allorquando si deve affrontare una causa in tribunale: pensa alla necessità di valutare i danni riportati a seguito di un sinistro stradale, oppure di stabilire la capacità d’intendere e di volere di un soggetto. Quanto appena detto è confermato dalla circostanza per cui, quando un giudice ritiene di dover decidere su aspetti eccessivamente tecnici che sfuggono alla sua competenza giuridica, decide di nominare un consulente tecnico d’ufficio che gli offra tutti i chiarimenti opportuni. Quello che a noi interessa, però, sono le perizie di parte, cioè quelle commissionate dai privati; queste ultime hanno spesso uno scarso valore probatorio per via del fatto che, per l’appunto, sono commissionate da coloro che hanno degli interessi in gioco. In altre parole, le perizie di parte potrebbero non essere imparziali. Per superare questo ostacolo è possibile far giurare una perizia. Di cosa si tratta?

La perizia giurata è il parere tecnico reso da un professionista il quale, per avvalorare il proprio scritto, decide di formulare un solenne giuramento innanzi a un pubblico ufficiale. Il giuramento consiste nell’assicurare che il proprio compito è stato svolto onestamente e in ossequio a principi di verità. Insomma: il professionista giura che la sua perizia è completamente veritiera. Il giuramento che rende la perizia maggiormente affidabile va reso innanzi a determinati soggetti e seguendo specifiche formalità. Vediamo dove si può giurare una perizia e quali sono i costi.

Perizia giurata: cos’è?

La perizia giurata è il documento contenente il parere di un professionista esperto in un determinato settore, documento sul quale il perito stesso ha formulato un particolare giuramento.

A differenza della perizia semplice, il perito che giura sul proprio elaborato si assume la responsabilità penale delle proprie dichiarazioni: nel caso di perizia non veritiera, infatti, il professionista risponde del reato di falsità ideologica, punita con la reclusione sino a due anni [1].

Dove si fa giuramento sulla perizia?

Per trasformare una perizia semplice in una perizia giurata occorre che il professionista che l’ha redatta presti un formale giuramento innanzi a un pubblico ufficiale.

Per la precisione, si può giurare sulla propria perizia innanzi a un notaio oppure al cancelliere del tribunale o dell’ufficio del giudice di pace. Ovviamente, la perizia deve essere giurata da chi l’ha effettuata: non può presentarsi un terzo e giurare che la perizia redatta da altri corrisponda al vero.

Perizia: il giuramento in tribunale

Il perito che voglia giurare sulla propria perizia deve recarsi in tribunale o presso l’ufficio del giudice di pace con un valido documento di identità e con l’elaborato da giurare, quest’ultimo compiutamente datato e sottoscritto dal suo autore.

Oltre alla perizia, il professionista dovrà produrre tutti gli eventuali allegati (ad esempio, planimetrie, fotografie, ecc.), compilare un modulo di giuramento che il cancelliere avrà cura di sottoporgli e, sempre alla presenza del cancelliere, appore la sottoscrizione in calce al modello.

Il cancelliere redige un breve verbale delle operazioni, riportando la formula di giuramento che ha recitato il perito: «Giuro di avere bene e fedelmente adempiuto alle funzioni affidatemi al solo scopo di far conoscere la verità».

Presso la cancelleria resterà depositata una copia della prima pagina della perizia (non è necessario depositare una copia dell’intera perizia) e copia del verbale di giuramento con i dati anagrafici e la residenza del professionista che ha giurato.

Perizia giurata: quanto costa?

La perizia giurata ha un costo: per la precisione, occorre una marca da bollo da 16 euro ogni quattro facciate, a partire dalla prima pagina della perizia. Va inoltre pagata una marca da 3,84 euro a titolo di diritti di cancelleria.

Le marche vanno apposte ogni quattro facciate anche se fossero occupate da una sola riga. In ogni caso, va applicata una marca da 16 euro ogni cento righe, anche se dovessero corrispondere a meno di quattro facciate (in pratica, sono ammesse 25 righe per ogni pagina).

Nel calcolo delle pagine va considerato anche il verbale di giuramento e ogni allegato inserito prima del verbale di giuramento.

Per gli allegati posizionati dopo il verbale di giuramento si applica l’imposta di bollo nella seguente misura:

  • marca da bollo da due euro se l’allegato è costituito da un unico elaborato;
  • marca da bollo da due euro per ciascun foglio dell’allegato che non fa parte dell’elaborato;
  • marca da bollo da due euro per ciascuna fotografia o disegno indipendentemente se faccia parte o non dell’elaborato.

Le perizie esenti da bollo per legge (come, ad esempio nel caso di adozioni, borse di studio, divorzio, lavoro e previdenza, ecc.) devono riportare sul verbale di giuramento gli estremi della legge che prevede l’esenzione.

Perizia: giuramento davanti al notaio

In alternativa al cancelliere di tribunale, è possibile giurare la perizia davanti a un notaio. La procedura è la stessa indicata nei paragrafi precedenti; in questo caso, però, non è possibile preventivare il costo del giuramento, visto che sarà il notaio a dettare il prezzo.

Sarà cura del notaio sottoporre al professionista tutta la documentazione utile al giuramento; tuttavia, essa non sarà differente da quella esaminata sopra.

Nello specifico, i documenti da produrre allo studio notarile sono i seguenti:

  • fotocopia del documento di identità in corso di validità (fronte-retro) e del codice fiscale del perito;
  • dati identificati dell’albo di iscrizione (geometra, ingegnere, dottore commercialista);
  • eventuale visura aggiornata presso la Camera di Commercio, qualora il perito sia iscritto presso il Registro delle Imprese;
  • copia stampata della perizia che si intende giurare innanzi al notaio.

Il verbale di giuramento è soggetto a registrazione a tassa fissa.

Perché giurare una perizia?

Infine, il quesito forse più importante di tutti: perché giurare una perizia? La risposta è molto semplice: la perizia giurata assume, agli occhi dei terzi e soprattutto del giudice, un valore probatorio molto più forte rispetto alla semplice perizia non giurata.

Ciò perché, come anticipato più sopra, il professionista che giura la perizia assume una precisa responsabilità penale nel caso di dichiarazioni false.

Dopo il giuramento, l’elaborato peritale si accresce di ulteriore valore attraverso divenendo atto pubblico.

Attenzione, però: come ha ricordato la giurisprudenza [2], la perizia stragiudiziale, ancorché asseverata con giuramento raccolto dal cancelliere o dal notaio, costituisce pur sempre una mera allegazione difensiva, per cui il giudice non è tenuto a motivare il proprio dissenso in ordine alle osservazioni in essa contenute quando ponga a base del proprio convincimento considerazioni incompatibili con le stesse.

Dunque, se la parte processuale pensa di poter vincere la causa producendo una perizia giurata, si sbaglia di grosso: il giudice non è mai vincolato a prestarvi fede.


note

[1] Art. 483 cod. pen.

[2] Cass., sent. n. 1902 dell’11.02.2002.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube