Covid: i chiarimenti dell’Iss su mascherine e igienizzanti

4 Giugno 2020 | Autore:
Covid: i chiarimenti dell’Iss su mascherine e igienizzanti

Il presidente Brusaferro alla Camera: «Dispositivi chirurgici non lavabili né riutilizzabili». Sì al gel, ma evitare l’abuso: «Alternare con guanti».

Attenzione a quanto e come si usano le mascherine chirurgiche per proteggersi dal coronavirus: perdono la loro efficacia nell’arco di poche ore. Cautela anche sugli igienizzanti per le mani: l’abuso potrebbe essere dannoso.

Sono solo alcuni dei chiarimenti offerti questa mattina durante un’audizione alla Camera dal presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, nel secondo giorno della fase 3 dell’emergenza, quella in cui, ormai, non ci sono più limitazioni sugli spostamenti e che, quindi, richiede maggiore prudenza da un punto di vista sanitario.

«Per le mascherine chirurgiche – ha spiegato Brusaferro – non è consigliato il riutilizzo e neppure il ricondizionamento, mentre può essere preso in considerazione l’uso prolungato per lo stesso utilizzatore in determinate condizioni, in quanto resterebbero efficaci per un periodo di tempo che varia dalle 2 alle 6 ore».

Quanto alla possibilità di ricondizionare (cioè di rendere di nuovo efficaci) le mascherine monouso in modo da poterle riutilizzare, Brusaferro ha ricordato che «sono stati proposti alcuni sistemi di bonifica basati sull’utilizzo del calore secco. Pur dimostrando l’efficacia nei confronti di alcuni virus e superando i test di performance, presentano elementi di incertezza che necessitano ulteriori approfondimenti». Mentre sulla possibilità del lavaggio e della sanificazione da parte dell’utilizzatore «le procedure applicate non standardizzate non consentirebbero di verificarne il mantenimento delle caratteristiche di sicurezza e di performance iniziali con possibili rischi per l’utilizzatore stesso».

Le maschere di Tipo I, ha continuato Brusaferro, dovrebbero essere utilizzate solo da pazienti e da popolazione per ridurre il rischio di diffusione dell’infezione in caso di epidemia o pandemia e non sono destinate ad essere utilizzate da operatori sanitari tantomeno in sala operatoria o in strutture ospedaliere con requisiti assimilabili. Le mascherine di Tipo II hanno lo scopo di evitare che chi le indossa contamini l’ambiente, in quanto limitano la trasmissione di agenti infettivi con la duplice funzione di ridurre il passaggio di saliva e particelle respiratorie verso gli altri e, al contempo, proteggere da eventuali schizzi di sangue e altri materiali potenzialmente infetti, la pelle, la bocca o il naso di chi le indossa.

In conclusione, ha insistito il presidente dell’Iss, «nel caso delle mascherine chirurgiche, l’orientamento è quello di considerare le attuali mascherine, prodotte con materiali diversi difficilmente sanificabili, come non lavabili e non riutilizzabili».

Infine, Brusaferro ha voluto soffermarsi sull’uso dei prodotti igienizzanti per le mani e per gli ambienti. Secondo il presidente dell’Iss, «devono essere evitati usi impropri ed eccessivi dei prodotti chimici per ridurre le esposizioni e intossicazioni da sostanze pericolose. L’igienizzazione accurata e frequente delle mani – ha commentato – è un elemento essenziale della prevenzione del contagio, ed è stata ampiamente e fortemente incoraggiata dall’Istituto superiore di sanità sin dall’inizio della pandemia. Tuttavia, in alcuni casi specifici è opportuno, in aggiunta alla igienizzazione delle mani, utilizzare guanti monouso al fine di ridurre il potenziale di contaminazione dei prodotti e garantirne la sicurezza».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube