Lifestyle | News

Coronavirus: come saranno i matrimoni post lockdown

4 Giugno 2020 | Autore:
Coronavirus: come saranno i matrimoni post lockdown

Nozze economiche e con rito civile. L’87% dei futuri sposi sceglie di mettere a budget 14.000 euro per un banchetto da 100 invitati. Tre coppie su quattro prediligono il rito civile. Ecco quali sono i servizi più ricercati per il giorno delle nozze.

Come saranno i matrimoni post lockdown? Quale location sceglieranno i futuri sposi per pronunciare il fatidico «sì»? In tempi di pandemia da Coronavirus, a scattare la fotografia del giorno delle nozze è stato il portale ProntoPro.it. Secondo una stima, la richiesta di servizi matrimoniali è calata del 78% da gennaio ad aprile e di quasi il 40% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Qualcosa potrebbe ricominciare a muoversi a settembre, in vista dello slittamento di molte celebrazioni al 2021. In genere, come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, l’Osservatorio Matrimoni di ProntoPro evidenzia in questo mese il picco di ricerche per la giusta location di nozze e per un competente wedding planner.

Quale sarà la spesa media per il giorno delle nozze?

La spesa media per l’organizzazione di un matrimonio in Italia si aggira intorno ai 25.000 euro, prendendo in considerazione tutti i professionisti che contribuiscono a rendere indimenticabile questa giornata: wedding planner, servizi di catering, fioristi, fotografi e videomaker, DJ e gruppi musicali, ma anche gli educatori incaricati di intrattenere i bambini.

Attraverso lo studio dei preventivi stilati negli ultimi 12 mesi dai professionisti del settore, ProntoPro ha potuto definire un prezzo standard di 14.000 euro e un prezzo premium che supera di poco i 36.000 euro.

Su quali investimenti ricade la preferenza degli italiani?

Non è più il tempo di matrimoni eccessivamente sfarzosi. L’87% dei futuri sposi sceglie infatti di mettere a budget una spesa standard per celebrare le proprie nozze, a fronte di un 13% di coppie che invece sognano ancora una cerimonia di lusso. Un dato comunque in calo rispetto al 2018, quando il matrimonio in versione Premium veniva richiesto dal 22% degli sposi.

In quale Regione conviene organizzare un matrimonio?

Analizzando i dati da un punto di vista geografico, la regione più costosa per l’organizzazione di un matrimonio è il Lazio, dove la spesa standard può raggiungere i 16.700 euro. Anche Campania e Sicilia si attestano sopra i 16.000 euro di investimento. La Sardegna è la più economica, qui per un matrimonio l’investimento richiesto è di circa 11.000 euro.

Come celebrare il matrimonio: rito civile o religioso?

Il rito civile, poi, vince su quello religioso. Tra chi cerca online i migliori fornitori per l’organizzazione del proprio matrimonio, il rito civile vince su quello religioso, un trend in crescita anno dopo anno. I dati del 2020 raccontano che il 69% dei futuri sposi si sposerà in comune, il 29% opta per la cerimonia in chiesa, mentre il 3% organizzerà una versione simbolica del rito che permette loro di scegliere location, celebrante, testo della celebrazione, ma che non ha alcun valore ufficiale.

I territori del Sud Italia evidenziano però una tendenza inversa, il matrimonio religioso è infatti stato scelto nel 2019 da più del 50% dei futuri sposi, in Campania la percentuale arriva fino ad un 68% di preferenze. L’Emilia Romagna risulta invece la regione d’Italia più secolarizzata, qui il matrimonio civile è stato la preferenza per ben il 73% degli sposi.

Quali sono i servizi più richiesti per il matrimonio?

Tra i servizi più richiesti per matrimonio, la giusta location per le celebrazioni nuziali raccoglie il 50% delle richieste a livello nazionale, aggiudicandosi il primo posto in classifica fra i servizi più richiesti per il settore wedding.

Fotografo e accompagnamento musicale vengono cercati rispettivamente dal 13% e dal 10% dei futuri sposi. Alcune regioni evidenziano delle peculiarità territoriali. I fioristi raccolgono meno domanda a livello nazionale, ma sono il secondo servizio più richiesto in Basilicata, con il 22% di preferenze. In Trentino Alto Adige il trucco sposa supera di 4 punti percentuali la domanda di fotografi. I wedding planner rientrano nella Top 3 dei servizi più richiesti in Toscana e Sardegna.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube