Cronaca | News

Bill Gates: sì al vaccino, no ai complotti

4 Giugno 2020
Bill Gates: sì al vaccino, no ai complotti

Il miliardario americano propone una distribuzione globale e ha sottolineato i rischi della disinformazione. Ora, un progetto di 2 miliardi di dollari per la ricerca.

Il magnate americano Bill Gates torna a parlare di vaccini e di complotti. Per lui, le due questioni sono strettamente intrecciate. Intervenendo oggi alla BBC, il fondatore di Microsoft ha ribadito che di fronte alla pandemia di Coronavirus i vaccini sono «più importanti che mai», ma subito dopo ha affermato che «bufale e fake news possono minare questo sforzo».

L’intervento di Bill Gates è avvenuto in occasione della conferenza dei donatori di Gavi, l’Alleanza per i vaccini, che si è aperta oggi a Londra in formato virtuale: uno scenario perfetto per dare risalto alle sue dichiarazioni.

Così il miliardario statunitense ha sostenuto che, se verrà trovato il vaccino contro il Coronavirus, questo dovrà essere distribuito «su base globale», cioè senza differenziazione tra popoli e Paesi. E non dimenticando di essere un imprenditore, ha anche sottolineato l’impegno finanziario del progetto: «Ogni donazione fatta oggi potrà salvare vite». I fondi raccolti, ha spiegato, «serviranno a distribuire il vaccino ai Paesi più poveri, ma anche per campagne di immunizzazione contro polio, tifo e morbillo».

Gates, però, ha voluto anche avvertire dei rischi della disinformazione sui vaccini. «Quando avremo il vaccino per il Coronavirus, ha dichiarato, cercheremo di sviluppare una immunità di gregge dandolo ad oltre l’80% della popolazione. Ma se la gente si sente dire che c’è un complotto, che i vaccini fanno male, allora vi saranno persone che non vogliono vaccinarsi e lasceremo che la malattia continui a uccidere».

Oggi, l’alleanza Gavi ha ricordato di aver contribuito a vaccinare circa 225 milioni di bambini in 60 Paesi a basso e medio reddito contro la principale causa di polmonite infantile, lo pneumococco. Il Gavi, come ricorda l’agenzia stampa Adnkronos Salute, è stato lanciato nel 2009 con il sostegno di Italia, Regno Unito, Canada, Russia, Norvegia ed anche della Bill & Melinda Gates Foundation, la fondazione lanciata dai coniugi Gates per finanziare le ricerche su questi progetti.

Proprio oggi, il Gavi ha lanciato un nuovo strumento di finanziamento volto a incentivare i produttori a distribuire quantità sufficienti di eventuali vaccini contro il Coronavirus e a garantirne l’accesso ai Paesi in via di  sviluppo. Il progetto è stato lanciato – in occasione del Global Vaccine Summit di oggi a Londra – con l’obiettivo iniziale di raccogliere 2 miliardi di dollari, una cifra sufficiente a immunizzare gli operatori sanitari e gli individui ad alto rischio, e creare una quota flessibile di dosi da distribuire laddove più necessario.



1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube