Diritto e Fisco | Articoli

Auto contro muro: risarcimento

5 Giugno 2020
Auto contro muro: risarcimento

Incidenti stradali e risarcimento: quando opera la copertura dell’assicurazione e quando invece non si può ottenere i soldi da nessuno. 

Nel caso in cui un’auto finisca contro un muro è possibile chiedere un risarcimento? E a chi? Come tutti sanno, l’assicurazione risarcisce i danni conseguenti alla circolazione stradale. E se anche la giurisprudenza ha chiarito che non deve per forza esserci un contatto tra i veicoli, è quantomeno necessario che ve ne siano almeno due. Nel caso dell’auto contro muro il risarcimento dunque è tutt’altro che scontato. Tutto dipende dalle cause del sinistro e dalle eventuali responsabilità.

Cerchiamo allora di fare il punto della situazione con esempi pratici.

Auto contro muro per evitare un’altra auto

Marco sta guidando la macchina quando, all’improvviso, si accorge di Giovanni che, proveniente dal lato opposto, invade la sua carreggiata. Marco fa una sterzata improvvisa per evitare l’impatto e va a sbattere contro un muro.

In questo caso, siamo in presenza di un vero e proprio incidente stradale, seppure tra le auto coinvolte non vi è stato alcuno scontro. Operano quindi le regole sull’assicurazione obbligatoria. La responsabilità dell’incidente è del conducente antagonista a quello che va a sbattere contro il muro, avendo il primo violato le regole del Codice della strada. Pertanto, l’infortunato potrà farsi risarcire dalla propria assicurazione. Sarà a quest’ultima che andrà presentata la richiesta di risarcimento (secondo le regole del cosiddetto indennizzo diretto). La compagnia poi si rivarrà contro quella del colpevole.

Facciamo ora un altro esempio.

Marco è distratto mentre guida e non si accorge che si è immesso nella carreggiata opposta. Vede d’un tratto un camion che proviene in senso contrario e, per evitarlo, sterza andando a finire contro un muro.

Anche in questo caso siamo dinanzi a un incidente stradale in senso stretto; tuttavia, colui che è finito contro il muro non potrà essere risarcito (né per i danni fisici, né per la riparazione del mezzo) in quanto è lui stesso il responsabile per il sinistro. Al contrario, se l’altro automobilista ha subito delle conseguenze, potrà chiedere il risarcimento. 

Auto contro muro per evitare una buca stradale o altro pericolo

Mattia sta guidando l’auto in una mattina piovosa e buia quando, d’un tratto, si accorge di una profonda voragine sulla strada. Per evitarla sterza e finisce contro un muro.

In questo caso, non operano le norme sull’assicurazione obbligatoria poiché l’incidente non vede coinvolte più auto ma una soltanto. 

Quando lo scontro contro il muro dipende da una buca o altro ostacolo presente sulla carreggiata, il proprietario del mezzo danneggiato potrà chiedere il risarcimento all’ente tenuto alla manutenzione della strada. Quest’ultimo, nei centri urbani, è il Comune. 

Qui vigono le regole in tema di insidia stradale in base alle quali è possibile chiedere il risarcimento solo a patto che la buca o l’ostacolo non fosse facilmente visibile. Il conducente deve, infatti, tenere una normale diligenza: deve essere prudente e non guidare distratto. Dunque, tanto più la buca o l’ostacolo sulla strada è visibile, tanto meno facile sarà ottenere il risarcimento. 

Auto contro muro per colpa di una macchia d’olio

Potrebbe succedere che le ruote finiscano su una macchia d’olio e che l’auto sbandi contro un muro. Anche in questo caso, come in quello precedente, la responsabilità è del soggetto tenuto alla manutenzione dell’asfalto (Comune, Provincia, Anas, ecc.). Attenzione però: se la macchia si è formata da pochissimo, senza così dare il tempo all’amministrazione di provvedere alla sua rimozione o a transennare il tratto di strada, non ci può essere alcun risarcimento del danno.

Auto contro muro per colpo di sonno o per la velocità

Chi finisce contro un muro per propria colpa, ad esempio perché preso da un colpo di sonno o per aver sbandato a causa della velocità non può che prendersela con se stesso. Infatti, in questo caso, non essendo attribuibile a nessuno la responsabilità per l’incidente, non ci sarà né l’assicurazione, né l’amministrazione a coprire i danni. Non ci sarà, quindi, alcun risarcimento né per i danni al veicolo, né per quelli fisici conseguenti alle lesioni per l’impatto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube