Business | Articoli

Crediti del Fisco garantiti dal Codice

8 Agosto 2014
Crediti del Fisco garantiti dal Codice

La società continuerebbe a vivere nei cinque anni dalla chiusura per l’adempimento dei debiti tributari.

Ai fini della liquidazione, accertamento e riscossione dei tributi, l’estinzione della società [1] ha effetto trascorsi cinque anni dalla richiesta di cancellazione. Questa diposizione è suggerita dalla VI commissione Finanze della Camera che ha approvato il parere al decreto legislativo recante disposizioni in materia di semplificazioni fiscali.

La disposizione prevede che quando è stata richiesta la cancellazione della società dal Registro delle imprese a seguito dell’approvazione del bilancio finale di liquidazione, la società medesima vive per cinque anni da tale data ai fini della attività di accertamento.

Cosa succede in questi cinque anni? Non si può prevedere che qualcuno presenti una dichiarazione dei redditi visto che non c’è più il liquidatore, a meno che non si immagini una proroga fiscale della procedura di liquidazione. Se non c’è l’obbligo di una dichiarazione nel quinquennio post mortem non c’è nemmeno una proroga del termine per accertamento in quanto esso è legato alla presentazione della dichiarazione. E il diritto di recuperare i crediti da parte del fisco c’è comunque in base al Codice civile nei limiti delle somme liquidate ai soci.

Una buona notizia viene invece per le società non operative in perdita sistemica. La presunzione legale di società non operativa, per la Camera, si dovrebbe applicare se la società, per cinque periodi di imposta consecutivi (e non più tre) presenti una dichiarazione in perdita fiscale. Gli effetti di società di comodo decorrono dal sesto anno successivo. La medesima situazione si verifica se la società, nell’arco di cinque periodi di imposta è in perdita per quattro e per uno ha dichiarato un reddito inferiore a quello minimo delle società di comodo.

Molte sono le correzioni relative alla presentazione della dichiarazione dei redditi precompilata per i titolari di reddito di lavoro dipendente; il nuovo termine entro il quale dovrebbe essere trasmessa è il 7 luglio dell’anno successivo, all’agenzia delle Entrate o a un Caf o professionista abilitato. Il versamento delle imposte a debito deve essere eseguito entro i termini ordinari previsti per la generalità dei contribuenti.


note

[1] Art. 2495 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube