Vaccino influenza, verso l’obbligo per il personale sanitario

5 Giugno 2020
Vaccino influenza, verso l’obbligo per il personale sanitario

Pronta la circolare del ministero della Salute per la stagione 2020-2021.

L’avevamo annunciata qualche settimana fa, premettendo che quest’anno sarebbe arrivata in anticipo (leggi l’articolo: Influenza, il vaccino quest’anno è ancora più importante). È stata pubblicata oggi dal ministero della Salute la circolare “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2020-2021″. Raccomanda l’immunizzazione ai bambini da zero a sei anni e agli anziani dopo i sessant’anni.

Obbligo auspicato per il personale sanitario

Nessun obbligo, ma la vaccinazione è fortemente consigliata, considerando che “nella prossima stagione influenzale 2020-2021, non è esclusa una co-circolazione di virus influenzali e Sars-CoV-2”. Il vaccino, quindi, è tanto più utile quest’anno, “in particolare nelle persone ad alto rischio di tutte le età, per semplificare la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra Covid-19 e influenza”. Da qui, l’invito a Regioni e Province ad avviare “le gare per l’approvvigionamento dei vaccini antinfluenzali al più presto, basandole su stime effettuate sulla popolazione eleggibile e non sulle coperture delle stagioni precedenti”.

Per chi esercita una professione sanitaria, che lo porta a lavorare in ospedali e altre strutture a contatto con pazienti e anziani, “la vaccinazione è fortemente raccomandata, nella prospettiva di una iniziativa legislativa che la renda obbligatoria”.

Chi sono i soggetti a rischio

La circolare indica le cosiddette categorie a rischio, per le quali il vaccino contro l’influenza è particolarmente consigliato. Parliamo delle donne che all’inizio della stagione epidemica si trovano in gravidanza e nel periodo ‘postpartum’; le persone dai 6 mesi ai 65 anni di età con patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza; bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.

E poi ancora, persone di qualunque età ricoverate in strutture per lungo degenti; familiari e contatti (adulti e bambini) di soggetti ad alto rischio di complicanze (indipendentemente dal fatto che il soggetto a rischio sia stato o meno vaccinato); addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori come medici o forze di polizia; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani (come allevatori e veterinari pubblici); donatori di sangue.

Vaccino gratis per anziani e bambini

“La circolare – informa il ministero – oltre a contenere informazioni sulla sorveglianza epidemiologica e virologica, fornisce raccomandazioni per la prevenzione dell’influenza attraverso la vaccinazione e le misure di igiene e protezione e raccomanda l’attivazione di campagne di informazione/educazione della popolazione e degli operatori sanitari coinvolti nell’attuazione delle strategie vaccinali”.

Il vaccino contro l’influenza, come ricorda il ministero, permette di ridurre sia le complicanze nei soggetti a rischio, sia gli accessi al pronto soccorso. La vaccinazione antinfluenzale può essere offerta gratuitamente nella fascia d’età 60 – 64 anni. Non solo.

“Allo stato attuale – si legge sulla circolare – esistono sul territorio nazionale più Regioni che offrono gratuitamente, su richiesta, la vaccinazione a bambini e adolescenti sani a partire dai 6 mesi di età, in collaborazione con i medici di Medicina generale e pediatri di libera scelta”.

“Vista l’attuale situazione epidemiologica – spiega il ministero della Salute – relativa alla circolazione di Sars-CoV-2, il documento raccomanda di anticipare la conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale a partire dall’inizio di ottobre e offrire la vaccinazione ai soggetti eleggibili in qualsiasi momento della stagione influenzale, anche se si presentano in ritardo per la vaccinazione“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube