Moduli | Articoli

Modulo autocertificazione generica Inps

25 Luglio 2020 | Autore:
Modulo autocertificazione generica Inps

Per ottenere determinate prestazioni previdenziali va allegata l’autocertificazione del possesso dei requisiti richiesti dall’Inps: facsimile e contenuto della dichiarazione generica.

In alcuni casi, se si richiedono all’Inps prestazioni e servizi, occorre presentare un’autocertificazione. Si pensi ad esempio a quando un invalido civile presenta domanda per ottenere l’indennità di accompagnamento oppure a quando un soggetto richiede la corresponsione degli assegni familiari. In entrambe le ipotesi, l’interessato è tenuto a fornire all’Ente di previdenza, una dichiarazione con la quale attesta, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso dei requisiti per ottenere la prestazione o i benefici che gli spettano. A tal fine, si può utilizzare il modulo autocertificazione generica Inps che si trova in calce al presente articolo, il quale va adattato alle esigenze del dichiarante, riportando solo le voci inerenti alla richiesta da presentare.

Cos’è l’autocertificazione generica Inps

L’autocertificazione generica Inps è una dichiarazione redatta e firmata dall’interessato mediante la quale questi attesta stati, fatti e requisiti personali propri o relativi al suo nucleo familiare di cui ha diretta conoscenza, purché tale dichiarazione sia fatta nel proprio interesse [1].

In particolare, con l’autocertificazione generica Inps vengono dichiarati tra l’altro:

  • il luogo e la data di nascita del dichiarante;
  • la residenza;
  • la cittadinanza;
  • lo stato civile (celibe, nubile, coniugato, separato, divorziato, ecc.);
  • l’assenza di condanne penali e di provvedimenti relativi all’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti fiscali registrati nel casellario giudiziale;
  • l’assenza dello stato di liquidazione o di fallimento;
  • l’assolvimento o meno degli obblighi contributivi;
  • la situazione occupazionale e reddituale;
  • l’avere prestato o meno servizio militare;
  • l’eventuale iscrizione in Albi e elenchi tenuti dalla Pubblica Amministrazione;
  • la composizione della famiglia;
  • la qualifica di legale rappresentate/ tutore/curatore;
  • il godimento di diritti civili e politici.

Da chi può essere presentata l’autocertificazione generica Inps

L’autocertificazione generica Inps può essere presentata da:

  1. i cittadini italiani;
  2. i cittadini dei Paesi membri dell’Unione Europea;
  3. i cittadini extra comunitari purché in possesso di regolare permesso di soggiorno.

Perché si può utilizzare l’autocertificazione generica Inps

L’autocertificazione generica Inps può essere utilizzata in quanto la legge stabilisce che tutti gli uffici pubblici e, quindi, anche l’Inps, nonché i soggetti privati esercenti servizi di pubblica utilità (ad esempio le società che forniscono i servizi di luce o gas, Eni o Enel, le Poste Italiane, ecc.) sono obbligati ad accettarla in sostituzione dei normali certificati rilasciati dalla Pubblica amministrazione.

L’autocertificazione, quindi, ha la stessa validità di tali certificati e la sua mancata accettazione costituisce violazione ai doveri d’ufficio da parte dell’Ente di previdenza. Pertanto, se i funzionari Inps dovessero rifiutarla o richiedere il certificato rilasciato dagli uffici pubblici, potranno essere sanzionati a norma del codice penale [2].

Quali sono le modalità per redigere l’autocertificazione generica Inps

L’autocertificazione generica Inps può essere scritta a mano dal dichiarante o al computer e, poi, va firmata.

La firma non deve essere autenticata né deve essere necessariamente apposta alla presenza dell’impiegato che la riceve. Al posto dell’autenticazione della firma, è opportuno che il dichiarante alleghi una fotocopia di un suo documento di riconoscimento in corso di validità.

La dichiarazione è esente dal pagamento dell’imposta di bollo.

Come si presenta l’autocertificazione generica Inps

L’autocertificazione va allegata alla documentazione da presentare dall’Inps per la prestazione o i servizi richiesti. Può essere depositata personalmente o inoltrata telematicamente, accedendo alla piattaforma dell’Ente di previdenza.

Cosa succede in caso di autocertificazione falsa

Il soggetto che sottoscrive l’autocertificazione generica Inps si assume la responsabilità sia civile sia penale, di quanto attestato nella stessa e, perciò, deve fare attenzione a fornire dati corretti.

Gli uffici della Pa ai quali viene presentata l’autocertificazione possono verificarne la veridicità e in caso di dichiarazioni false o mendaci, il dichiarante rischia sanzioni penali oltre che di decadere dai benefici ottenuti con l’autocertificazione in cui sono contenute le dichiarazioni non veritiere [3].


MODULO AUTOCERTIFICAZIONE GENERICA INPS

(Art. 46, DPR n. 445 del 28 dicembre 2000)

Il sottoscritto __________(nome e cognome del dichiarante), codice fiscale _______________, consapevole che in caso di dichiarazione mendace sarà punito ai sensi del codice penale secondo quanto prescritto dall’art. 76 del DPR n. 445/2000 e che, inoltre, qualora dal controllo effettuato emerga la non veridicità del contenuto di taluna delle dichiarazioni rese, decadrà dai benefici conseguenti al provvedimento eventualmente emanato sulla base della dichiarazione non veritiera (art. 75 DPR n. 445/2000)

DICHIARA

  • di essere nato/a _____________(riportare la data e il luogo di nascita, compreso lo Stato);
  • di essere residente in__________(riportare l’indirizzo completo e, quindi, città, provincia, Stato, via/piazza, numero civico, cap, numero telefonico ed e-mail);
  • di essere cittadino italiano oppure cittadino dello Stato estero____________;
  • di essere__________(riportare lo stato civile ad esempio: celibe, nubile, coniugato/a, separato/a, divorziato/a, vedovo/a);
  • di essere casalinga;
  • di essere iscritto/a__________ (riportare l’eventuale iscrizione nelle liste dei disoccupati, l’ufficio e la data ovvero l’iscrizione nelle liste di collocamento obbligatorio presso la Direzione provinciale del lavoro di_________in qualità di________(invalido, orfano/a, profugo/a, ecc.);
  • di non avere riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziario ai sensi della vigente normativa;
  • di non trovarsi in stato di liquidazione o fallimento e di non avere presentato domanda di concordato;
  • di essere in regola con gli obblighi contributivi;
  • di __________(riportare la propria situazione reddituale come ad esempio non avere redditi a qualunque titolo oppure avere percepito i seguenti redditi indicando il reddito percepito per ogni singolo anno);
  • di essere titolare di pensione;
  • di avere prestato servizio militare dal_______al___(indicare il periodo);
  • di rivestire la qualifica di ex combattente o assimilato;
  • di essere iscritto___________(riportare l’eventuale iscrizione ad Albi o elenchi tenuti dalla Pa oppure a un Ordine professionale);
  • di avere la seguente qualifica professionale/tecnica__________(riportare quale);
  • di essere studente oppure di avere il titolo di studio ___________(nel primo caso bisogna riportare gli esami sostenuti mentre nel secondo va specificato il titolo di studio ad esempio diploma di laurea in_______);
  • che la famiglia, oltre al sottoscritto, si compone di______(per ciascun componente del nucleo familiare bisogna indicare i dati anagrafici, il rapporto di parentela, se convivente o meno, e l’eventuale grado di invalidità);
  • di essere legale rappresentante/tutore/curatore di _____(indicare il nome e cognome ad esempio del minore, dell’interdetto o dell’inabilitato);
  • che il sig./sig.ra _____________, __________(specificare il rapporto di parentela con il dichiarante ad esempio padre, coniuge, figlio, ecc.), nato a ________, il________, è morto il________;
  • di godere dei diritti civili e politici;
  • di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti pendenti;
  • di vivere a carico di__________(specificare il soggetto a cui carico vive il dichiarante);
  • di possedere il seguente numero fiscale_________;
  • di possedere il seguente numero di partita Iva________;
  • di essere iscritto presso la seguente Associazione/formazione sociale___________(specificare quale);
  • di essere a conoscenza del seguente dato contenuto nel registro dello stato civile__________(specificare quale).

Si allega: fotocopia del documento di identità in corso di validità.

Luogo e data

Firma del dichiarante

Ai sensi del decreto legislativo n. 196/2003 autorizza la raccolta dei presenti dati per il procedimento nel corso del quale la presente dichiarazione viene resa.

La mancata accettazione della presente dichiarazione sostitutiva costituisce violazione dei doveri d’ufficio (art. 74, DPR n. 445/2000).

Esente da imposta di bollo ai sensi dell’art. 37 DPR 28 dicembre 2000, n. 445.

note

[1] D.P.R. n. 445/2000.

[2] Art. 74 co. 1 D.P.R. n. 445/2000.

[3] Art. 483 cod. pen. per come richiamato dall’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube