L’esperto | Articoli

Concorso polizia locale: ultime sentenze

29 Luglio 2020
Concorso polizia locale: ultime sentenze

Requisito dell’età non superiore a 45; concorso per il conferimento del posto di comandante della polizia locale; assegnazione di posti di semplice agente.

Concorso polizia locale: età inferiore a 45 anni

Non contrasta con l’art. 3, comma 6, l. 15 maggio 1997 n. 127 né con la direttiva 2000/78/CE del consiglio dell’Unione europea del 27 novembre 2000 e con il d.lg. di attuazione 9 luglio 2003 n. 216 la previsione, nel bando di concorso pubblico per il conferimento di posti di agente di polizia locale a tempo determinato, del requisito di ammissione del possesso di un’età non superiore a 45 anni; tale prescrizione risponde, infatti, alla precisa esigenza dell’amministrazione di servirsi di determinati soggetti i quali siano maggiormente in grado di svolgere, in virtù delle proprie caratteristiche attitudinali, compiti onerosi che richiedono maggior impegno ed energie, ai quali, di regola, sono meno adatte le persone in possesso di un’età più avanzata.

T.A.R. Latina, (Lazio) sez. I, 12/12/2018, n.642

Assunzione degli agenti della polizia locale: età massima

Gli art. 2, par. 2, 4, par. 1, e 6, par. 1, lett. c), della direttiva 2000/78/Ce del Consiglio del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, devono essere interpretati nel senso che ostano ad una normativa nazionale, come quella in discussione nel procedimento principale, che fissa a 30 anni l’età massima per l’assunzione degli agenti della polizia locale (la Corte si è così pronunciata nell’ambito della controversia promossa da un cittadino spagnolo relativamente alla decisione del comune di Oviedo di approvare un bando di concorso contenente il requisito per cui i candidati ai posti di agenti della polizia locale non potevano avere un’età superiore ai 30 anni).

Corte giustizia UE sez. II, 13/11/2014, n.416

Bando di concorso polizia locale: quando è illegittimo?

È illegittimo il bando di concorso, per l’unico posto da ricoprire, interamente riservato al personale già in servizio presso l’ente locale, dovendosi riservare agli interni una percentuale non superiore al cinquanta per cento dei posti messi a concorso e non potendosi, nel caso di specie (relativo alla selezione di un’unità di polizia municipale), ritenere applicabile la deroga prevista dall’art. 91 comma 3 d.lg. n. 267 del 2000, secondo cui è possibile bandire concorsi interamente riservati in relazione a particolari profili o figure professionali con capacità acquisita esclusivamente all’interno dell’ente.

Consiglio di Stato sez. V, 07/10/2013, n.4919

Commissioni esaminatrici e comitati di vigilanza

È legittima la nomina di un docente di scuola secondaria superiore come componente esperto in lingua inglese della commissione del concorso pubblico per il conferimento del posto di comandante della polizia locale, trattandosi di professionalità non reperibile all’interno di un ente locale.

T.A.R. Latina, (Lazio) sez. I, 04/11/2010, n.1860

Impugnazione degli atti di una procedura concorsuale

In caso di impugnazione degli atti di una procedura concorsuale (nella specie: per la copertura di un posto di Dirigente Comandante Polizia Locale e Commercio), sussiste il difetto di giurisdizione del g.a. in relazione alla domanda tesa ad ottenere la declaratoria di nullità ovvero l’annullamento del contratto di lavoro stipulato dall’amministrazione con il vincitore del concorso, alla luce dell’art. 63, d.lg. 30 marzo 2001 n. 165: la domanda diretta ad ottenere la declaratoria di nullità ovvero l’annullamento e, comunque, l’inefficacia del contratto stipulato dal controinteressato, non inerendo alla fase della procedura concorsuale ed investendo, invece, quella successiva dell’assunzione, è devoluta alla giurisdizione del g.o.; con il d.lg. n. 104 del 2010 – approvato in attuazione dell’art. 44 della l. n. 69 del 2009, recante delega al Governo per il riordino del processo amministrativo – il legislatore ha dettato, esclusivamente con riferimento agli appalti pubblici, una specifica ed articolata disciplina, contenuta negli art. 121 e 122, che consente al g.a. di dichiarare l’inefficacia del contratto nell’ipotesi di annullamento dell’aggiudicazione definitiva, e tuttavia non può essere revocata in dubbio la specialità di tali disposizioni e la preclusione di una loro applicazione analogica alla fattispecie qui in esame.

T.A.R. Venezia, (Veneto) sez. II, 07/10/2010, n.5285

Concorso dirigente-comandante del corpo di polizia locale

Dagli art. 50 comma 10 e 109, d. lg. 18 agosto 2000 n. 267 si evince che la competenza del sindaco è da rapportare al conferimento di incarichi dirigenziali connotati dall'”intuitu personae”, nel mentre deve esser ascritta alla giunta ogni attribuzione in esito all’assunzione, a tempo pieno ed indeterminato, successiva al pubblico concorso (nella specie, sulla base di tale principio è stato annullato il decreto sindacale di conferimento dell’incarico professionale avente ad oggetto la realizzazione e la gestione di quattro concorsi pubblici, ivi incluso quello di dirigente-comandante del corpo di polizia locale a tempo pieno ed indeterminato).

T.A.R. Latina, (Lazio) sez. I, 19/04/2010, n.544

Requisito agente di polizia locale per l’ammissione al concorso

L’art. 3, comma 3, d.lg. 216/2003, sull’applicazione della direttiva europea per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, stabilisce che non costituiscono atti di discriminazione le differenze di trattamento dovute all’età ove siano giustificate e rilevanti «ai fini dell’idoneità allo svolgimento delle funzioni che… i servizi di polizia … possono essere chiamati ad esercitare»; peraltro, il riferimento ai servizi di polizia deve intendersi esteso oltre alla Polizia di Stato, anche alla Polizia municipale, la quale svolge compiti in parte identici, come prevede la l. 65/1986. Ne deriva la legittimità del bando di una selezione pubblica per il conferimento di posti di agente di polizia locale, nella parte in cui richieda, quale requisito per l’ammissione al concorso, un’età non superiore ai 32 anni.

T.A.R. Venezia, (Veneto) sez. II, 05/05/2008, n.1209

Bando di concorso: concorsi per agenti di polizia municipale

La motocicletta è un mezzo di trasporto che tutti gli agenti di polizia municipale sono tenuti ad utilizzare in determinate circostanze, con la conseguenza che non può ritenersi illegittimo il bando di corso-concorso pubblico indetto da un ente locale nella parte in cui prevede una prova pratica per l’accertamento della idoneità alla conduzione di motocicletta articolata sulla base delle prestazioni previste dalla tabella B) del d.m. interno 26 agosto 1994 n. 577, risultando ininfluente che detto concorso fosse stato indetto per l’assegnazione di posti di semplice agente, e non di agente motociclista, ma con criteri meno rigidi di quelli previsti per questi ultimi.

Consiglio di Stato sez. V, 19/01/2009, n.229

Selezione concorsuale per la nomina del dirigente del Corpo di polizia locale

Sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo sulla domanda di annullamento degli atti con i quali un comune decide di esternalizzare il procedimento di selezione concorsuale per la nomina del dirigente del Corpo di polizia locale, affidando ad un consulente esterno l’intera sequenza degli atti di indizione del bando e di scelta della commissione esaminatrice sino alla nomina del vincitore, nonché delle determinazioni dirigenziali del Comune che ne recepiscono i risultati, atteso che lo strumento prescelto per individuare ed assumere tali dirigenti resta quello del concorso (pur se le fasi progettuali, organizzative e gestionali sono “delegate” a terzi), sicché l’Amministrazione – quand’anche i suoi atti siano eterointegrati da determinazioni altrui – permane nella sua pienezza della potestà decisionale, rispetto alla quale i candidati hanno mere posizioni di interesse legittimo, con riguardo alle operazioni concorsuali, come alla stessa scelta a monte di esternalizzare la procedura.

Cassazione civile sez. un., 18/10/2012, n.17843



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube