Coronavirus: al via il primo concorso in digitale nella PA

8 Giugno 2020 | Autore:
Coronavirus: al via il primo concorso in digitale nella PA

Saranno reclutate 92 unità. La prova orale potrà essere sostenuta in videoconferenza.

Pubblicato in Gazzetta ufficiale (IV Serie Speciale – ‘Concorsi ed Esami’) il primo bando di concorso elaborato sulla base delle innovative misure di semplificazione delle procedure volute dal ministro Dadone ed enucleate dall’articolo 247 del decreto Rilancio. A comunicarlo è la Funzione pubblica in una nota che la nostra redazione ha appena ricevuto dall’agenzia di stampa Adnkronos. Saranno reclutate 92 unità di personale non dirigenziale nell’area funzionale III, fascia retributiva F1, per diversi profili, nei ruoli dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e del Ministero dell’Ambiente.

La Commissione Ripam ha approvato il bando lo scorso 3 giugno. L’intera procedura sarà gestita da Formez e si svolgerà con il supporto di strumentazione informatica.

Come saranno le prove?

La prova orale potrà essere tenuta in videoconferenza, attraverso l’utilizzo di mezzi informatici e digitali, garantendo comunque l’adozione di soluzioni tecniche che assicurino la pubblicità della stessa, l’identificazione dei partecipanti, la sicurezza delle comunicazioni e la loro tracciabilità.

Un altro elemento di novità è rappresentato dai quiz situazionali che saranno inseriti nella prova preselettiva e saranno finalizzati a rilevare le competenze attitudinali, le cosiddette ‘softskill’, dei candidati.

Sempre nell’ottica di definire il profilo completo dei partecipanti, viene richiesto a ciascuno di indicare, in fase di presentazione della domanda di ammissione al concorso, la motivazione alla base della candidatura, le esperienze lavorative svolte e le attitudini in possesso utili allo svolgimento delle mansioni per cui si concorre, le competenze informatiche possedute e la disponibilità ai trasferimenti.

Concorso: come inoltrare la propria candidatura

Sulla base del decreto Rilancio, sono state innovate le modalità di inoltro della candidatura. Si prevede l’obbligo per gli interessati di presentare – entro quindici giorni dalla pubblicazione del bando in Gazzetta Ufficiale – esclusivamente in via telematica la domanda di ammissione al concorso. Come? Attraverso l’utilizzo di l’apposita piattaforma digitale Step-One 2019 e del Sistema pubblico di identità digitale (Spid).

Tutte le comunicazioni relative alla procedura concorsuale, compresa la pubblicazione della graduatoria finale di merito, saranno fornite ai candidati attraverso la piattaforma digitale.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube