Cronaca | News

Rischio aumento bollette per emergenza Covid

8 Giugno 2020
Rischio aumento bollette per emergenza Covid

L’emendamento al Decreto Rilancio pensato per aiutare chi si trova in difficoltà nei pagamenti comporta maggiori oneri di sistema. Reagiscono le associazioni.

Un emendamento al Decreto Rilancio rischia di provocare un aumento degli oneri di sistema applicati nelle bollette della luce e del gas; il paradosso nasce dal fatto che il correttivo era stato pensato dai proponenti (i deputati Raciti, del Pd, e Manzo, del Movimento 5 Stelle) con una finalità sociale: quella di reperire le risorse finanziarie necessarie ad aiutare chi non riesce a pagare le bollette, trovandosi in difficoltà economica a causa dell’emergenza Covid.

Ma secondo le associazioni dei consumatori che hanno esaminato il provvedimento, il rimedio è peggiore del male: «vergognoso», lo definisce l’Unc (Unione Nazionale Consumatori) mentre per il Codacons è «osceno» e rappresenta «una truffa alla collettività». Nelle note delle associazioni, riportate dall’agenzia stampa Adnkronos, gli effetti dell’emendamento proposto sono giudicati inequivocabili e provocheranno un aumento dei costi in bolletta.

«Per affrontare l’emergenza Covid è previsto un aumento degli oneri di sistema di luce e gas», afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori, che spiega così la questione: «in pratica, per aiutare chi, per via dell’emergenza Covid, ha avuto problemi di reddito ed è in difficoltà con il pagamento delle bollette di luce e gas, finalità giusta e sacrosanta, è prevista una detrazione da applicare sull’imposta sui redditi delle persone fisiche (Irpef) che sarà, però, finanziata con la previsione di una nuova componente degli oneri di sistema».

Gli oneri di sistema sono una voce distinta da quella del costo dei consumi della materia prima (energia elettrica o gas) ed è una componente che copre i costi generali della rete e della complessiva attività di distribuzione, che viene evidenziata in ogni fattura periodica inviata ai clienti.

Per il Codacons, «se venisse approvato tale emendamento osceno, gli italiani si ritroverebbero a pagare in modo del tutto inconsapevole bollette più salate, attraverso un artifizio che vanifica i ribassi delle tariffe garantiti dal calo del petrolio, introducendo una vera e propria tassa occulta che peserebbe sulle fatture energetiche degli utenti portando ad un loro incremento di cui i consumatori non avrebbero contezza» Poi il Codacons precisa che «in sostanza le bollette rimarrebbero invariate a causa dei maggiori oneri di sistema che annullano del tutto il ribasso del costo dell’energia, realizzando così un inganno e quindi una truffa a danno dei consumatori, messi nella impossibilità di percepire l’aumento a causa del truffaldino compenso tra diminuzione del prezzo dell’energia e aumento degli oneri».

Il giudizio è drastico:«si tratta di una vera e propria truffa alla collettività, che scarica sui consumatori il compito spettante alla Stato di sostenere i nuclei più bisognosi», rileva il Codacons, mentre per l’Unc «ancora una volta i soldi vengono chiesti ai consumatori, chiedendo loro di svolgere il ruolo pubblico di sovvenzionare e finanziare chi è in difficoltà».

Così entrambe le associazioni sollecitano interventi immediati: «chiediamo che l’emendamento sia ritirato e, al suo posto sia prevista, per tutti, la sospensione fino alla fine dell’anno degli oneri generali di sistema e delle componenti Terna sulle bollette di luce e gas», dichiara Vignola per l’Unione Nazionale Consumatori; «il Governo deve al contrario tagliare per tutto il 2020 gli oneri di sistema che pesano sulle bollette energetiche e con cui si finanziano i più disparati settori, perché milioni di famiglie a causa del coronavirus hanno subito una pesante riduzione del reddito e non riescono più a far fronte al pagamento delle utenze domestiche», conclude il Codacons.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube