L’esperto | Articoli

Spiaggia concessione: ultime sentenze

15 Luglio 2020
Spiaggia concessione: ultime sentenze

Svolgimento di attività connesse alla fruizione del mare; esclusione da una gara per l’assegnazione di una concessione di suolo demaniale marittimo.

L’uso della spiaggia 

E’ legittimo il provvedimento con il quale è stato negato al gestore di una struttura alberghiera il rinnovo di una concessione demaniale marittima avendo l’ente locale, nell’ambito dell’ampia discrezionalità che caratterizza questo tipo di atti, scelto di lasciare alla libera balneazione il tratto di costa in questione in quanto parte del litorale caratterizzata dalla presenza di numerose abitazioni nella parte retrostante, con conseguente necessità di non limitare l’uso della spiaggia ai soli ospiti della struttura alberghiera, peraltro posta a notevole distanza e quindi in posizione tale da poter agevolmente richiedere analoga concessione in altro luogo.

T.A.R. Lecce, (Puglia) sez. I, 04/11/2014, n.2634

Spiaggia demaniale: giurisdizione 

La controversia rientra nella giurisdizione del g.a. se, nell’ambito del “petitum” sostanziale del ricorso, e non sulla base della mera prospettazione di parte, sia richiesto o meno per la risoluzione della controversia un sindacato sui poteri esercitati dalla p.a. nell’ambito del rapporto concessorio, precluso al g.o.; ove non vengano in discussione tali poteri, ma si controverta solo in ordine all’individuazione di quale sia la disciplina di rideterminazione del canone in relazione allo specifico atto di concessione (nella specie, di spiaggia demaniale), il giudice è chiamato ad un’attività meramente accertativa del presupposto del canone, rientrante, come tale, nella giurisdizione civile.

T.A.R. Bologna, (Emilia-Romagna) sez. II, 21/04/2010, n.3739

Concessionario di una spiaggia lacuale

A norma dell’art. 1 r.d. 18 novembre 1923 n. 2440, l’amministrazione dei beni immobili dello Stato spetta al Ministero delle finanze, salve le eccezioni stabilite da leggi speciali; pertanto, in un giudizio nel quale vengano chiesti al privato concessionario di una spiaggia lacuale – stante l’avvenuta scadenza della concessione – la restituzione di un manufatto esistente sull’area ed il pagamento del relativo indennizzo, la legittimazione attiva spetta al Ministero delle finanze (ora Agenzia del demanio), a nulla rilevando che l’art. 2 r.d. 18 maggio 1931 n. 544, attribuisca al Ministero dei lavori pubblici la competenza in materia di concessione di godimento di aree e di spiagge dei laghi, competenza poi trasferita alle Regioni dal d.lg. 31 marzo 1998 n. 112.

Cassazione civile sez. II, 09/11/2009, n.23704

Predisposizione di una spiaggia attrezzata

Il concetto di “costruzione”, sul piano urbanistico-edilizio, è definito dal d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia): in particolare, l’art. 3, comma 1, lett. e) della normativa in questione specifica dettagliatamente le caratteristiche dell’intervento, qualificabile nei termini sopra indicati, con riferimento — al punto e.5) — alla “installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee”.

Pertanto, è legittima l’esclusione da una gara per l’assegnazione di una concessione di suolo demaniale marittimo nel caso in cui il progetto volto alla predisposizione di una spiaggia attrezzata, comprendente un complesso di cabine e servizi sanitari, pannelli solari, pedana in legno, parco giochi con altalena, percorso atletico ed altri arredi urbani fissi, manchi del computo metrico e del profilo dello stato dei luoghi, perché pur trattandosi di strutture certamente leggere, esse non sono tali da sottrarsi ad una definizione di dettaglio, che consenta per ogni elemento l’identificazione per forma, tipologia, qualità e prezzo.

Consiglio di Stato sez. VI, 06/08/2013, n.4107

Arenile demaniale: concessione al lido privato

La concessione di una porzione dell’arenile demaniale al lido privato, da un lato, non esaurisce e non esclude la necessità di consentire l’accesso a quelle parti della stessa spiaggia data in concessione che restano di libera fruizione (a titolo esemplificativo, la battigia); dall’altro, gli utenti ben possono, utilizzando le parti assoggettate al libero accesso anche all’interno del lido privato, raggiungere la c.d. spiaggia libera.

D’altro canto, deve considerarsi che l’Ente comunale non può escludere gli accessi pubblici solo perché questi conducono ad un « lido privato », in quanto l’estensione territoriale e temporale delle concessioni demaniali è soggetta a mutamento, sicché non può incidere, precludendole, sulle opere stabili che consentano l’accesso alla spiaggia agli utenti che non intendono fruire dei servizi privati.

T.A.R. Bari, (Puglia) sez. II, 14/06/2013, n.963

Alienazione manufatto edificato su un tratto di spiaggia

Non può trovare applicazione l’art. 5 bis d.l. n. 143 del 2003 in presenza di un vincolo specifico, imposto con atto amministrativo, in esito ad un procedimento condotto ai sensi della normativa allora vigente (in applicazione a detto principio il Tar ha escluso la possibilità di alienazione di un manufatto edificato su un tratto di spiaggia, occupato in forza di concessione precaria che poggia su palafitte immerse nello specchio d’acqua antistante la terraferma.

T.A.R. Milano, (Lombardia) sez. II, 17/09/2009, n.4680

Recinzione di un tratto di spiaggia e concessione all’uso

In tema di disciplina del demanio, configura il reato di cui all’art. 1161 c. nav. (occupazione arbitraria di spazio demaniale) la recinzione di un tratto di spiaggia, anche se realizzata da parte del titolare della concessione all’uso della spiaggia stessa, e ciò in quanto la concessione all’uso non implica la sua occupazione totale con sottrazione all’uso pubblico.

Cassazione penale sez. III, 21/11/2006, n.42114

Diniego della concessione di un chiosco sulla spiaggia

Con riferimento agli interessi pretensivi, l’ingiustizia del danno si configura in relazione alla consistenza della protezione che l’ordinamento riserva all’istanza di ampliamento della sfera giuridica del pretendente, essendo necessario che egli sia titolare non già di una mera aspettativa, bensì di una situazione suscettibile di determinare un oggettivo affidamento circa la consecuzione, secondo la disciplina applicabile ed un criterio di normalità, di un esito favorevole.

(Sulla base di tale principio la S.C., in fattispecie di diniego di concessione per l’installazione di un chiosco sulla spiaggia, ha cassato la sentenza di merito che, omettendo il giudizio prognostico sulla fondatezza o meno della richiesta, aveva escluso la sussistenza di un pregiudizio risarcibile correlando la risarcibilità non all’idoneità del provvedimento denegato ad ampliare la sfera del pretendente, ma al mero dato fattuale delle possibilità economiche residuate in capo ad esso in esito al procedimento).

Cassazione civile sez. I, 12/01/2018, n.651

Istanza di rilascio delle concessioni demaniali marittime

Il Comune non può provvedere sull’istanza di rilascio delle concessioni demaniali marittime prima dell’effettivo passaggio delle competenze in ordine al rilascio delle concessioni demaniali e, dall’altro, una volta assunte le dette competenze, non può rilasciare le concessioni stesse prima dell’adozione del PSC (Piano Comunale di Spiaggia), da assumere nei termini e modi previsti dalla legge. Peraltro, una volta adottato ed approvato detto piano, è evidente che il rilascio di concessione demaniale sia subordinato alla verifica di conformità della richiesta al piano medesimo.

T.A.R. Catanzaro, (Calabria) sez. I, 16/05/2012, n.456

Rilascio di una nuova concessione demaniale marittima

A seguito della richiesta di un privato di rilascio di una concessione demaniale marittima, l’Amministrazione ha due possibilità: respingere la richiesta con un provvedimento debitamente motivato; oppure, ove intenda e possa pervenire alla concessione, indire una procedura selettiva nel rispetto dei principi di parità di trattamento, concorrenza, buon andamento ed efficienza.

Per il rilascio di una nuova concessione demaniale marittima è infatti necessario il ricorso a procedure ad evidenza pubblica, in quanto tali concessioni hanno come oggetto un bene/servizio “limitato” nel numero e nell’estensione a causa della scarsità delle risorse naturali.

La spiaggia è un bene pubblico demaniale (art. 822 c.c.) e perciò inalienabile e impossibilitato a formare oggetto di diritto a favore di terzi (art. 823 c.c.), sicché proprio la limitatezza nel numero e nell’estensione, oltre che la natura prettamente economica della gestione (fonte di indiscussi guadagni), giustifica il ricorso a procedure comparative per l’assegnazione .

T.A.R. Lecce, (Puglia) sez. I, 28/07/2017, n.1329

La concessione di godimento di un tratto di spiaggia lacuale

Rientrano nella giurisdizione del giudice amministrativo, e non in quella del tribunale superiore delle acque, le controversie riguardanti la concessione di godimento di un tratto di spiaggia lacuale, senza interessamento alcuno del regime delle acque del lago.

Consiglio di Stato sez. VI, 17/02/2006, n.664

Aree demaniali marittime da adibire a spiaggia attrezzata

In base al principio secondo cui l’atto amministrativo va interpretato risalendo al suo effettivo contenuto e prescindendo dal “nomen iuris” ad esso attribuito al momento della sua adozione, deve ritenersi che un bando di gara avente testualmente ad oggetto l’assentimento in concessione di aree demaniali marittime da adibire a spiaggia attrezzata si riferisca in realtà all’assentimento in concessione di stabilimenti balneari, in presenza di elementi che depongano in tal senso, come ad esempio la previsione di cabine adibite a spogliatoio individuale o collettivo in aggiunta al limite di mq. 45,00 previsto per le superfici coperte.

T.A.R. Latina, (Lazio) sez. I, 11/02/2015, n.143

L’impugnazione di una concessione demaniale marittima

L’interesse giuridicamente rilevante di un comune (quale ente istituzionalmente preposto alla tutela degli interessi che riguardano il territorio e la popolazione ivi residente) che giustifica l’impugnazione di una concessione demaniale marittima non può ritenersi limitato alla sola terraferma, ma si estende anche al mare territoriale prospiciente quest’ultima, ogniqualvolta sia realizzata un’opera che, per la distanza dalla spiaggia, sia idonea a causare un apprezzabile alterazione dello stato dei luoghi in cui risiede la popolazione comunale.

T.A.R. Cagliari, (Sardegna) sez. I, 19/07/2012, n.723

Concessione ad un privato di un bene appartenente al demanio marittimo 

Il lido del mare e la spiaggia sono riconducibili alla categoria dei beni pubblici, finalizzati a soddisfare interessi della collettività ed appartengono al demanio dello Stato o di altri enti pubblici territoriali, ai sensi dell’art. 822 c.c.

Per tali peculiarità, la spiaggia — comprensiva di tratti di terra prossimi al mare e dell’arenile — presenta una naturale vocazione all’uso generale implicita nella destinazione, inerente i cd. “usi del mare”, tra cui rientra la balneazione, che costituisce una sorta di diritto pubblico soggettivo, attribuito ai componenti della collettività, non solo “uti cives”, ma anche “uti homine”, esperibile “erga omnes” (anche nei riguardi dell’Ente cui i beni appartengono), il cui contenuto si esplica, principalmente, nel diritto ad accedere liberamente alla spiaggia senza imposizione di oneri economici, di potersi posizionare ovunque, senza preclusioni, di godere dell’habitat marino e di non dover utilizzare strutture offerte da terzi, che intendono ritrarre utilità economiche dall’offerta di vari servizi. Si tratta, dunque, di una facoltà di godimento connessa con il diritto alla salute, tutelato dall’art. 32 cost., nonché con esigenze anche di natura “spirituale ed estetica”.

In quest’ottica, la possibilità di concedere ad un privato un bene appartenente al demanio marittimo per lo svolgimento di un’attività connessa alla fruizione del mare, in conformità all’interesse pubblico, sottraendola, in tal modo, al libero godimento della collettività, va considerata come una ipotesi eccezionale, rimessa all’attività discrezionale in capo alla p.a., che giammai può trasmutare in un obbligo, con conseguente attribuzione di un diritto soggettivo in capo al privato richiedente.

T.A.R. Catanzaro, (Calabria) sez. I, 27/03/2012, n.333



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube